Sospiro di sollievo a Usini positivi solo due tamponi

0
1

Erano in tutto 537 le persone che avevano aderito allo screening di giovedì Il sindaco Brundu: un plauso ai tanti giovani che si sono sottoposti al testdi Franco Cuccuru

12 Luglio 2021

USINI. Si è temuto il peggio, ma dopo l’arrivo degli esiti dei tamponi eseguiti giovedì scorso è il caso di tirare un bel sospiro di sollievo: su 537 tamponi molecolari solo due sono risultati positivi, peraltro con una carica virale molto bassa incapace di contagiare, mentre tutti gli altri molecolari hanno dato esito negativo. Sicuramente più sereno il sindaco Antonio Brundu, ora che è confermato il risultato dello screening successivo ai 10 casi covid che hanno fatto presagire la presenza di un nuovo focolaio. Allo stato attuale, i casi in totale sono 15, ai quali si aggiungono 50 quarantene. «Con la campagna di screening – ha detto il sindaco – siamo riusciti ad avere un quadro più completo della situazione epidemiologica in paese. È ovvio che allentare l’attenzione sarebbe un danno grandissimo ma sono certo che i miei concittadini sapranno essere attenti. Voglio però complimentarmi di cuore con chi ha partecipato allo screening e soprattutto con i giovani e giovanissimi che, vedendosi maggiormente interessati in questa nuova ondata, non hanno esitato a sottoporsi al test. Una prova di coraggio, responsabilità e amore per il prossimo che merita di essere citata». L’organizzazione della campagna di screening nel vecchio comune si è svolta regolarmente, grazie al supporto di più forze. Gli amministratori e gli uffici del Comune, gli operai, i vigili urbani e il prezioso contributo della Pro Civ di Usini, fondamentale per la regolazione degli ingressi e delle uscite. «Voglio ancora ringraziare – ha detto il sindaco – tutta la macchina di Ats, l’Ufficio di Igiene pubblica, il laboratorio di Virologia dell’Aou, i vari responsabili di servizio che hanno reso possibile tutto questo e soprattutto gli operatori sanitari, medici, infermieri e assistenti che hanno saputo dosare la professionalità impeccabile con un’umanità e cortesia non comuni. Analogo ringraziamento al comandante della polizia locale di Sassari Gianni Serra per l’invio di una pattuglia che ha presidiato l’esterno del locale». Le ultime raccomandazioni riguardano la finale di stasera dell’Europeo: il primo cittadino ha invitato la popolazione a preferire gli spazi aperti e indossare la mascherina quando non si riesca a rispettare la distanza di sicurezza. «Al momento – ha concluso Brundu – non è necessario emettere ulteriori restrizioni, quindi saranno prorogate quelle attualmente in vigore (limitazioni sugli spettacoli di ogni genere compresi piano bar e karaoke, il divieto di consumo di alcolici negli spazi pubblici dopo le 22 – consentito invece al tavolino – chiusura dei parchi e giardini pubblici), e sarà monitorata di continuo la situazione epidemiologica».

leggi l’articolo su: La nuova Sardegna

#Sassari #lanuovasardegna #cronaca #vivisassari

RISPONDI

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome