“Brillo” al volante provoca incidente: giovane scagionato

0
0

SASSARI. Aveva provocato un incidente, senza feriti, e subito dopo il sinistro era stato accompagnato al pronto soccorso dove gli esami eseguiti avevano accertato che guidava in stato di ebbrezza. Il…SASSARI. Aveva provocato un incidente, senza feriti, e subito dopo il sinistro era stato accompagnato al pronto soccorso dove gli esami eseguiti avevano accertato che guidava in stato di ebbrezza. Il giovane, di Castelsardo, era quindi finito a processo. Ma alcuni giorni fa il giudice Elena Barmina lo ha assolto con la formula “perché il fatto non sussiste”.È stata infatti accolta la richiesta del difensore, l’avvocato Michele Sanna, il quale nella sua discussione ha evidenziato che i carabinieri di Sorso, intervenuti quella sera di settembre di cinque anni fa, avevano omesso di comunicare all’indagato che aveva la possibilità di farsi assistere da un legale – così come prevede l’articolo 114 delle norme di attuazione del codice di procedura penale – nel momento in cui veniva avviata la procedura di accertamento strumentale dell’alcolemia.L’incidente stradale era avvenuto alle 23 circa, nella località La Mundizza. Fortunatamente nessuno si era fatto male e l’automobilista, come da prassi, era stato portato in ospedale a Sassari. Qui gli era stato rilasciato un referto medico da cui era risultato un tasso alcolemico positivo (198 mg/dl). Ma era anche emerso che proprio in quell’occasione non era stato detto al giovane che poteva chiamare un difensore di fiducia. Da qui la sentenza di assoluzione. (na.co.)

leggi l’articolo su: La nuova Sardegna

#Sassari #lanuovasardegna #cronaca #vivisassari

promo lavazza sassari

RISPONDI

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome