All’Asinara è cominciata la stagione delle visite

0
0

Un’offerta in sicurezza con le attività ridisegnate in base alle norme anticovid Attivo l’infopoint, si può pernottare e fare escursioni a terra e subacquedi Gavino Masia

08 Luglio 2021

PORTO TORRES. Con l’arrivo dell’estate sono a regime anche le attività di visita sia a mare sia a terra nel Parco nazionale dell’Asinara e nell’Area marina protetta. Lo si evince dalla presenza dei tantissimi visitatori che al contrario della passata annualità – condizionata dalla pandemia che ha determinato una riduzione delle presenze – hanno scelto l’Asinara come meta delle loro vacanze estive.Le attività previste permettono infatti, nel rispetto di un articolato piano anticontagio, le escursioni ai visitatori attraverso gruppi contingentati per immergersi nella natura o nell’intera area marina. L’offerta cerca di consentire spostamenti in tutta sicurezza nei 52 chilometri quadrati dell’Asinara e negli oltre 100 chilometri quadrati a mare, con attività capaci di creare un positivo rapporto tra uomo e natura. Sono inoltre attivi i servizi di informazione nei centri visite di Fornelli e di La Reale, gestiti da un’associazione temporanea di guide ed educatori del Parco, e gli Osservatori ambientali sulla fauna e sul mare con il Centro recupero tartarughe. Oltre il ristorante e la foresteria di Cala d’Oliva, l’ittiturismo “La locanda del Parco” che permettono anche il pernottamento. Nell’Osservatorio della memoria di Cala d’Oliva, oltre alle esposizioni museali legate al periodo del carcere, è presente anche l’attività “Magie del vetro” dove è possibile acquistare dei piccoli prodotti artigianali e la mostra dello scultore Enrico Mereu. A La Reale c’è il laboratorio internazionale di Farmasinara, dove sono in vendita prodotti cosmetici naturali, ma al momento non è in funzione il bar ristorante la cui gestione è stata aggiudicata a una associazione di imprese di Porto Torres, che si sta attivando per garantire il servizio nel più breve tempo possibile. Per questo il Parco raccomanda, soprattutto in questi giorni, la visita accompagnata dagli operatori e consiglia la prenotazione all’interno del sito nella sezione “visitare il parco”: sono indicate le modalità di visita con i numeri telefonici e contatti mail degli operatori che hanno portato avanti il percorso di certificazione con il Marchio di qualità del Parco.Sono operative le visite guidate subacquee, che consentono di scoprire 28 siti di immersione grazie all’Associazione dei diving dell’Amp Asinara con 6 ditte che operano tutti i giorni con sedi a Stintino, Porto Torres, Castelsardo e Cala d’Oliva. Ci sono poi i charter a vela, che negli anni hanno avuto un riscontro positivo di interesse sempre crescente e che oggi consentono di proporre diverse tipologie di imbarcazioni tutte orientate alla massima sostenibilità. Le attività di pesca turismo permettono invece di vivere una giornata insieme agli operatori della piccola pesca, che raccontano gli aspetti emozionali del loro mestiere e attraverso dei prelievi dimostrativi organizzano il pranzo a bordo con le ricette tradizionali. Sono inoltre disponibili campi boe, utilizzabili dai diportisti con barche a vela e a motore.

leggi l’articolo su: La nuova Sardegna

#Sassari #lanuovasardegna #cronaca #vivisassari

promo lavazza sassari

RISPONDI

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome