Su viale Trento pesa un vincolo storico

0
13

Conferenza di servizi con la Soprintendenza sul progetto di consolidamento. L’assessore Meazza: «Finora tempi rispettati» di Paoletta Farina

24 Aprile 2021

SASSARI. Per la riapertura di viale Trento al traffico delle auto il prossimo passo si chiama “conferenza di servizi”. E cioè il tavolo tecnico al quale dovranno partecipare tutti i soggetti coinvolti nel progetto di risanamento del vacillante terrapieno, ma con un partecipante che non era stato all’inizio preventivato: e cioè la Soprintendenza. Parte della struttura è infatti soggetta a vincolo perché è stata costruita oltre un secolo fa. In particolare si tratta di manufatti, a destra e sinistra, verso viale Umberto che, quando i lavori di consolidamento del ponte inizieranno, dovranno essere “trattati” con particolare cura, considerato che si tratta di preziose testimonianze del passato. Quindi sarà la Soprintendenza a dare le indicazioni necessarie perché quel lascito di antiche tecniche costruttive non venga disperso. Sarà una riunione affollata quella per la conferenza di servizi. Oltre al Comune e all’ufficio braccio locale del Ministero dei Beni Culturali parteciperanno le società che nel terrapieno hanno realizzato le reti dei sottoservizi: Enel, Abbanoa, Telecom e altri gestori di telefonia. Abbanoa ha già concluso a suo carico l’intervento di by pass su via Principessa Jolanda che ha consentito di risolvere il problema di infiltrazioni dalla condotta fognaria, all’origine del cedimento avvenuto nel settembre del 2020, e in seguito al quale, da allora, in viale Trento è vietata la circolazione. Alla società spetterà realizzare anche il nuovo collettore. Ma la conferenza di servizi non potrà essere convocata prima che Rtp Solmona (a cui è stato assegnato l’incarico tramite gara) consegni al Comune gli elaborati del progetto definitivo che potranno così passare al vaglio di tutti i partecipanti. Però i tempi non dovrebbero essere lunghi. «Siamo in attesa – afferma il vicesindaco e assessore ai Lavori pubblici, Gianfranco Meazza – della progettazione definitiva e potremo così discutere come realizzare l’intervento. Finora abbiamo rispettato tutte le tappe del cronoprogramma che ci eravamo dati e, salvo intoppi, dovremmo proseguire secondo le previsioni».L’obiettivo è di arrivare entro l’anno ad appaltare i lavori. «Confidiamo di poterci riuscire e restituire il viale alla città – conclude Gianfranco Meazza –. È un intervento di grande importanza che risolverà un problema annoso». Per poterlo realizzare il Comune ha ottenuto un milione 10omila di euro dalla Regione e ci ha messo di suo altri centomila euro. Da viale Trento quindi si comincerà a comporre il mosaico del più grande progetto di messa in sicurezza dal rischio idrogeologico delle Valli cittadine e del rio Calamasciu per il quale l’amministrazione di Palazzo Ducale ha chiesto un finanziamento di cinque miloni di euro al ministero dell’Interno.

leggi l’articolo su: La nuova Sardegna

#Sassari #lanuovasardegna #cronaca #vivisassari

promo lavazza sassari

RISPONDI

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome