Convivenza tra pescatori e delfini studio dell’Area marina protetta

0
3

wALGHERO. Accrescere le conoscenze sulle interazioni tra delfini e piccola pesca e individuare le azioni che possano favorire il riconoscimento dei danni subiti dai pescatori nella loro attività in…
wALGHERO. Accrescere le conoscenze sulle interazioni tra delfini e piccola pesca e individuare le azioni che possano favorire il riconoscimento dei danni subiti dai pescatori nella loro attività in mare. Questo l’obiettivo del progetto dell’Agris Sardegna intitolato proprio “Realizzazione di uno studio sull’interazione dei cetacei con le attività di pesca” al quale partecipa l’Area Marina Protetta di Capo Caccia-Isola Piana nell’ambito delle attività di protezione delle biodiversità e in collaborazione con i pescatori che si impegnano all’interno del settore della pesca sostenibile. Dunque l’Area Marina protetta algherese, con in testa il presidente Raimondo Tilloca e il direttore Mariano Mariani, conferma di essere sempre in prima linea nella difesa dell’ecosistema, in questo caso della fauna ittica.In questo ambito, l’Area marina protetta di Capo Caccia-Isola Piana è stata ovviamente coinvolta per fornire consulenza scientifica nella realizzazione di un monitoraggio acustico, utile nella misurazione della frequenza di interazione dei delfini con le reti. Uno studio molto utile, com’è evidente, per tutelare sia i tursiopi che gli stessi pescatori.Nelle acque della Riviera del Corallo l’incontro con i delfini è un evento che suscita straordinarie emozioni e in verità non rarissimo, sebbene ci vogliano esperienza e un pizzico di fortuna. Così non stupisce che ad Alghero ci siano anche operatori turistici che, nel massimo rispetto degli esemplari, sopratutto nella bella stagione conducano i visitatori a caccia di foto sensazionali. (n.ni.)

leggi l’articolo su: La nuova Sardegna

#Sassari #lanuovasardegna #cronaca #vivisassari

promo lavazza sassari

RISPONDI

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome