Fratelli d’Italia Sassari: “Combattere criminalità e rilanciare il centro storico”

0
3

“I fatti accaduti la scorsa notte in piazza Mazzotti a Sassari, dove ignoti hanno dato alle fiamme diversi veicoli parcheggiati, sono l’ennesimo atto di criminalità che colpisce il nostro Centro Storico. Una situazione intollerabile, il luogo che dovrebbe essere il polo attrattivo della nostra Città è diventato un ghetto in mano alla criminalità”. Lo dichiarano gli esponenti di Fratelli d’Italia Sassari Daniele Deiana, consigliere comunale, Luca Babudieri e Maria Assunta Argiolas, presidenti dei circoli cittadini del partito. A causa della preoccupante situazione, il deputato di Fratelli d’Italia Salvatore Deidda presenterà una interrogazione parlamentare.
“In data 20 novembre 2020, tramite il nostro Consigliere Daniele Deiana, abbiamo protocollato in Comune un Ordine del Giorno che tratta il fenomeno criminoso con un’analisi concreta e documentata e le relative proposte di soluzioni, fattibili nel breve-medio periodo, al fine di contrastare la criminalità organizzata nella nostra città, con particolare attenzione al Centro Storico. Da sempre mettiamo al centro della nostra azione politica il contrasto ai fenomeni criminali, in quanto essi, oltre ad essere dannosi nei confronti della società civile, diventano strumento per la ghettizzazione delle persone e del degrado urbano”.
“Con questa iniziativa consiliare – aggiungono -, si vuole agire con concretezza e forza verso una situazione diventata insostenibile per i residenti del Centro Storico: le continue denunce e i molteplici atti criminosi all’ordine del giorno, non sono ammissibili e vanno contrastati con un sistema che impegni più livelli istituzionali. In concreto proponiamo la costruzione di una forte sinergia tra le istituzioni e la popolazione residente, controllo del territorio con il progetto telecamere diffuse, azioni concrete contro lo spaccio di droga e lo sfruttamento della prostituzione, rigenerazione urbana (dalla rivisitazione del piano urbanistico e del piano commerciale, alla nascita del Town Center Management), integrazione reale e aiuto alle vittime colpite dalle “attività” criminose (istituzione di centri di denuncia anonimi rivolti a tutta la popolazione e di centri di ascolto e d’intervento per le vittime della tratta degli esseri umani)”.
“Alle nostre proposte è correlata anche la richiesta, ai diversi uffici competenti, di accedere ai finanziamenti europei che permetterebbero di agire incisivamente al fine di contrastare la criminalità e permettere una reale inclusione sociale. Ci auspichiamo che tutto il Consiglio Comunale possa votare favorevolmente questa iniziativa dimostrando alla Città che le Istituzioni sono presenti e al fianco di chi soffre e che mai più nessuno, come accaduto fino ad oggi, si volterà dall’altra parte”, concludono.
 
Commenta l’articolo sulla pagina Facebook del Tamburino Sardo commenti

leggi l’articolo su: Il Tamburino Sardo

RISPONDI

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome