Sassari, Sant’Orsola “sigillata” per il muro pericoloso

0
2

SASSARI. L’ingresso principale del quartiere di Sant’Orsola storica da ieri pomeriggio è chiuso al traffico sia veicolare che pedonale.Un enorme disagio per i residenti, che pagano una situazione di pericolo già segnalata, anche di recente sulle pagine della Nuova Sardegna, e ulteriormente peggiorata in queste settimane di rabbiosa pioggia. Il problema è l’alto muro di contenimento di una proprietà privata che insiste sulla strada che dalla 131 conduce al quartiere. Nello specifico nel tratto che, restringendosi, precede il passaggio a livello della linea ferroviaria Sassari-Porto Torres. Un vecchio muro fatto in cantoni di tufo che trattengono il terreno sovrastante, e che negli anni si sono deteriorati sgretolandosi fino al punto da comprometterne la stabilità. Le piogge incessanti delle ultime settimane avevano già evidenziato la debolezza della struttura che presentava anche delle importanti infiltrazioni d’acqua che scorrevano tra i cantoni. In questi giorni uno dei “buchi” si è allargato ulteriormente. E, intorno alle 13 di ieri, i vigili del fuoco e gli agenti della polizia municipale sono intervenuti per verificarne la stabilità. Valutata la reale situazione di rischio, con il rischio di un concreto cedimento, hanno deciso di chiuderne l’accesso sia al traffico sia ai pedoni.Nel mentre hanno già provveduto a informare il proprietario del terreno privato, intimandogli di mettere in sicurezza il muro di cinta.«Purtroppo – sottolinea Francesco Piras, presidente del comitato di quartiere di Sant’Orsola – il rapido deterioramento della situazione era evidente. E la nostra richiesta di intervento immediato motivata. Ora ci prepariamo a subire pesanti disagi, quello chiuso al traffico è infatti l’ingresso principale del quartiere. Sperando che la messa in sicurezza da parte del privato, o del Comune in sua vece, sia immediata. E che si ragioni su lavori più complessivi».

leggi l’articolo su: La nuova Sardegna

promo lavazza sassari

RISPONDI

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome