Porto Torres: dormitorio chiuso, clochard al freddo sotto i portici

0
0

Dorme per strada, sotto i portici di piazza Garibaldi a Porto Torres, proprio dove qualche mese fa esisteva un dormitorio, una struttura che ha offerto, per circa un anno, 10 posti letto alle persone in difficoltà. Un servizio che non esiste più.

Sul ciglio di negozi chiusi ha trovato riparo un giovane di colore che, ogni giorno al calar del sole, sistema il suo sacco a pelo e le coperte, diventati abitazione per la notte, e si mette al sicuro dalla pioggia. Succede la sera ormai da tre giorni, e a osservare la stessa scena è il consigliere comunale Ivan Cermelli, che ha sollevato il problema in aula consiliare per sollecitare l’amministrazione comunale a trovare un luogo sicuro, una dimora adeguata. “Questa situazione incresciosa di questa persona che sta trascorrendo le notti in piazza Garibaldi credo sia una cosa davvero preoccupante – dice il sindaco Massimo Mulas – e ce ne faremo carico intervenendo con l’assessorato ai Servizi sociali”.

Il servizio del dormitorio realizzato con i fondi del Plus era stato presentato nel 2019 dalla ex giunta comunale, con l’obiettivo principale di ospitare temporaneamente chi si trovava in una situazione di grave difficoltà ma anche per sostenere quanti non volevano abbandonare la speranza di trovare una nuova strada per il reinserimento nella società.

“Da parte nostra ci sarà la massima attenzione rispetto a questa situazione- ha detto l’assessore ai Servizi sociali, Simona Fois – perché non possiamo permettere che una persona possa dormire al freddo, esposta alle intemperie e senza dignità”.

continua a leggere su: L’Unione Sarda

promo lavazza sassari

RISPONDI

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome