«Stato di calamità nella piana»

0
6

Delibera delle giunte di Valledoria e Santa Maria Coghinas: adesso la richiesta degli indennizzi di Giulio Favini

10 Gennaio 2021

VALLEDORIA. I Comuni della Bassa Valle del Coghinas iniziano a muoversi compatti per risolvere l’annoso problema degli allagamenti delle Campagne della piana. Intanto come prima cosa sia Santa Maria Coghinas che Valledoria, con delibere di giunta, hanno dichiarato per i territori colpiti dall’alluvione lo stato di calamità naturale. Un atto indispensabile per gli agricoltori per potersi vedere riconosciuti gli indennizzi regionali messi a disposizione in casi di eventi eccezionali come questo. «Hanno fatto bene i due Comuni a dichiarare lo Stato di calamità naturale – afferma Giovanni Pes, presidente della Cooperativa Agricola Valle del Coghinas, – ma c’è da aggiungere che se gli agricoltori non sono coperti dalla polizza assicurativa messa a disposizione della Regione sarà difficile che ci venga riconosciuto qualsiasi rimborso per i danni subiti».Quindi non basta che ci sia la dichiarazione dello lo Stato di calamità naturale dichiarato dagli enti locali, ma l’altra condizione per ottenere gli indennizzi sia quello di essersi dotati di una polizza assicurativa che copra tali tipi di calamità. «Sembrerebbe che la condizione sia quella – dichiara il sindaco di Santa Maria Coghinas Pietro Carbini –. Ci auguriamo che tutti gli agricoltori si siano dotati di uno strumento assicurativo, noi per quanto di nostra competenza faremo di tutto per aiutare il settore e gli imprenditori agricoli. Certo è – conclude Carbini – che anche loro devono aiutarci a mantenere pulite le campagne e collaborare per evitare di compromettere gli interventi di manutenzione sulla strade che a volte vengono cementificate e alcune altre risistemate con materiali da risulta. Auspico che , nel prossimo futuro, tutti insieme possiamo unirci per scongiurare che si verifichino nelle nostre campagne danni ed eventi funesti come è avvenuto di recente».«Considerata l’avversa situazione meteorologica che da diverse settimana tiene in ostaggio il nostro territorio e, soprattutto, le attività agricole ed agro-pastorali che vi operano», annuncia l’assessore comunale alle Politiche agricole di Valledoria Marco Mazzei che insieme al collega di maggioranza i Marco Cugusi, si è immediatamente impegnato per venire incontro alle esigenze degli agricoltori – abbiamo attivato un diretto canale comunicativo con le associazioni di categoria e rimaniamo a completa disposizione delle stesse, e di tutti gli operatori del settore, per qualsiasi supporto si rendesse utile». «Inoltre – spiega l’assessore Mazzei – con delibera di giunta, abbiamo avviato l’iter procedurale ai fini dell’accertamento dei danni causati alle aziende agricole da eventi atmosferici avversi e la delimitazione dei territori colpiti” presso gli organi competenti dichiarando il relativo stato di calamità». «Rammarica però – conclude l’assessore Mazzei – dover prendere atto che proprio in questo periodo stagionale si colloca la piena produzione del nostro prodotto agricolo per eccellenza ovvero il carciofo spinoso sardo. Si tratta di un prodotto che costituisce circa il 90 per cento dell’indotto economico –agricolo delle nostre imprese e del relativo settore nel nostro territorio».

leggi l’articolo su: La nuova Sardegna

promo lavazza sassari

RISPONDI

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome