Nughedu paese dai mille cantieri

0
3

Il sindaco Carboni racconta come nell’anno della pandemia ha incrementato i lavori pubblici di Barbara Mastino

08 Gennaio 2021

NUGHEDU SAN NICOLÒ. Tanti i cantieri pubblici avviati nell’ultimo anno, nonostante la pandemia, a Nughedu dove il Comune chiude un bilancio delle opere decisamente in attivo e «aperto a prospettive future», dice il sindaco Michele Carboni. Proprio prima della chiusura dell’anno, in attuazione delle misure del Dl Crescita rivolte ai comuni sotto i mille abitanti, l’ufficio tecnico comunale ha affidato i lavori di ammodernamento ed efficientamento energetico dell’impianto di illuminazione pubblica. Il progetto, predisposto dal tecnico incaricato geometra Massimiliano Langiu e dal responsabile del procedimento geometra Jean Malgari, riguarda l’integrale sostituzione dei corpi illuminanti di via Piave, via dei Fiorentini e dell’intera Area 167 con proiettori led di ultima generazione, «che offrono – spiega il sindaco Michele Carboni – notevoli miglioramenti di qualità dell’illuminazione, risparmio energetico, lunga durata e costi di manutenzione decisamente ridotti, oltre a un deciso miglioramento anche dal punto di vista estetico del decoro urbano». Con la nuova rete di illuminazione pubblica va da sé che si abbatteranno i costi di esercizio di oltre la metà e ci sarà anche un miglioramento notevole anche dell’estetica. Se ne dice più che soddisfatto il primo cittadino, che infatti ha voluto sottolineare «quanto importante sia stata, nell’arco di questi anni del mio mandato sindacale, la collaborazione di tutta l’amministrazione e del personale degli uffici comunali per la realizzazione dei numerosi progetti portati a termine e di tanti altri ancora in itinere. Per amministrare bene – aggiunge Carboni – non basta avere un ottimo esecutivo come il nostro ma accorre anche e soprattutto avvalersi sinergicamente della collaborazione dell’intero apparato burocratico che si rileva essere ancor più significativa se posta in relazione ai ranghi ridotti di personale in cui ormai operano le amministrazioni locali».Ci sono poi tanti altri progetti sia in itinere sia in procinto di essere affidati. Si tratta, tanto per fare qualche esempio, della messa in sicurezza dell’impianto di Monte Pirastru, del nuovo bando di affidamento dei lavori di adeguamento della casa per anziani, dei lavori di ristrutturazione della palestra comunale («ove è prevista – spiega ancora il sindaco Michele Carboni – la sostituzione della copertura e la realizzazione di un nuovo modulo per altre attività sportive»), dei lavori, già avviati, di realizzazione di un nuovo modulo cimiteriale («atto a sanare l’insufficienza dei loculi disponibili»), del rifacimento della pavimentazione stradale urbana («in parte ultimata ma alcuni tratti ancora da realizzare»), del recupero della storica chiesa campestre di Santa Bellina e del restauro della Chiesa Maggiore.Ci sono inoltre altri lavori già in cantiere o ultimati inerenti, ovvero la viabilità rurale, il decoro urbano, il recupero dei vecchi acquedotti comunali, l’efficientamento energetico della casa comunale e di altri edifici pubblici con installazione di nuovi impianti di riscaldamento ed infissi di ultima generazione. E grazie a questi progetti si può ben dire, come fa il sindaco, che il nuovo anno si apre «verso prospettive future piuttosto incoraggianti e foriere di novità nell’ambito economico e del lavoro, nonché in relazione ai progetti afferenti le attività sociali, culturali e sportive».

leggi l’articolo su: La nuova Sardegna

promo lavazza sassari

RISPONDI

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome