in

L’abbraccio commovente tra l’uomo e il mare

Da ragazzino a Porto Torres tuffava dietro lo Scoglio Lungo, la spiaggia dei bambini, quella che si raggiunge a piedi perché è a pochi passi dal centro della città.Alessandro Masala è un predestinato,…Da ragazzino a Porto Torres tuffava dietro lo Scoglio Lungo, la spiaggia dei bambini, quella che si raggiunge a piedi perché è a pochi passi dal centro della città.Alessandro Masala è un predestinato, uno che il mare ha bisogno di viverlo tutti i giorni ma che ha imparato da sempre a rispettarlo. Mai mosse azzardate o prove senza senso, dietro ogni iniziativa ci sono preparazione, studio e piena consapevolezza dei propri mezzi. Andare oltre, in fondo, non avrebbe alcun senso.«Non è un gioco, e neppure una sfida tra me e lui – racconta Alessandro – quando sono stato il primo sardo a raggiungere i 100 metri ho provato una gioia indescrivibile. Ma la cosa che rimarrà per sempre impressa nella mia mente non sarà un numero. Non riesco nemmeno a spiegarlo perchè non trovo le parole. Posso però dire che è stata la prima volta da quando pratico questo meraviglioso sport che mi sono sentito tutt’uno con il mare. Un legame forte e importante, un rapporto prezioso tra l’uomo e quella distesa d’acqua, tra un sub e l’ambiente. E allora auguro a tutti di poter provare questa sensazione indescrivibile. Che ti segna l’anima e ti rende una persona privilegiata». Gli amici lo hanno sommerso di commenti e di auguri in queste ore.«Grande Ale, continua così e sbarchi in Cina – si legge in uno dei messaggi – così puoi uscire senza mascherina…». (g.b.)

leggi l’articolo su: La nuova Sardegna

What do you think?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Enthusiast

Written by ViviSassari

Years Of MembershipList MakerMeme MakerPoll Maker

Buoni spesa dal Comune per le famiglie in difficoltà

Pensioni da lunedì 28