in

Anche la ministra Azzolina ringrazia il “Castelvì”

Ha inviato un videomessaggio in occasione della celebrazione per i 160 anni dello storico liceo
SASSARI. Una storia lunga 160 anni quella del Liceo “Margherita Di Castelvì” di Sassari, ricorrenza che è stata celebrata ieri mattina con una partecipata videoconferenza che ha coinvolto circa mille persone tra presenti diretti e contatti su Youtube. Dopo i saluti del dirigente scolastico Gianfranco Strinna e della presidenza della Regione rappresentata da Luca Manca, capo di gabinetto dell’assessorato della Pubblica istruzione, è spettato alla professoressa Maria Tina Maresu abbozzare un ritratto di Margherita Di Castelvì, nobildonna sassarese del ‘600 e benefattrice lungimirante, alla quale fu intitolato nel 1923 l’Istituto Magistrale. L’assessora comunale Rosanna Arru ha ricordato il ruolo importante svolto dall’istituto nel campo culturale e nella formazione dei giovani, sotto la guida di presidi illuminati come Lidia Massarella che operò per introdurre nel Liceo l’indirizzo linguistico internazionale ad opzione spagnola.E l’identità europea dell’istituto è stata ribadita dai rappresentanti dell’ambasciata spagnola in Italia, il Consejero dell’educazione Ignacio Revillo Pinilla e l’ Inspectora Maria Luisa Martinez Diaz che hanno ricordato il partenariato Erasmus della scuola con il Liceo Lucia De Medrano di Salamanca e con il Liceo di Saint Germain en Laye. L’arcivescovo di Sassari monsignor Gianfranco Saba ha evidenziato la particolare attenzione che il Liceo Castelvì svolge nell’ottica dell’inclusione e del dialogo tra le diverse culture. L’intervento di Daniela Scano della Nuova Sardegna si è soffermato sul ruolo educativo dei media, in particolare citando il progetto la Nuova@scuola che coinvolge migliaia di studenti delle scuole superiori sarde in attività di orientamento in collaborazione con le principali e più innovative imprese sarde e da ultimo nella creazione di un sito la cui redazione è composta dagli studenti stessi. Al professor Salvatore Tola è spettato il compito di concludere gli interventi in diretta con una relazione dal titolo “La scuola che promuove”, tracciando un excursus che ha visto l’Istituto Magistrale svolgere nei primi tra l’800 e il ‘900 nell’intero territorio provinciale il compito fondamentale di contrasto all’analfabetismo. In chiusura dell’incontro è stato trasmesso il videomessaggio della ministra dell’istruzione Lucia Azzolina che ha rivolto a tutto l’istituto un ringraziamento non soltanto per le opportunità di studio e di arricchimento che offre alle studentesse e agli studenti, ma anche per il contributo alla crescita culturale del territorio.

leggi l’articolo su: La nuova Sardegna

What do you think?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Enthusiast

Written by ViviSassari

Years Of MembershipList MakerMeme MakerPoll Maker

Addis riconfermato presidente

Babbo Natale arriva in autoscala festa dei bambini in Pediatria