in

Sassari, un sogno verde per Luna e Sole

Un gruppo di professionisti presenta un progetto per l’area dove si voleva costruire il supermarketdi Giovanni Bua

19 Dicembre 2020

SASSARI. Orti urbani, e aree attrezzate, pannelli solari e viali alberati, spazi di socialità per i residenti e a disposizione per il piccolo commercio di quartiere.Si colorano di verde i 15mila metri quadrati di proprietà delle “Pie sorelle educatrici di San Giovanni Evangelista” tra via e Luna e Sole e via degli Astronauti. Almeno nei progetti di un gruppo di urbanisti, architetti e ingegneri, coagulatosi intorno allo studio di Vincenzo Culotta.Più o meno la stessa squadra che nel dicembre del 2018 aveva donato alla città un coraggioso e visionario piano di riqualificazione per l’area dell’ex Turritania, tra vie interrate e piazze sospese. E che ora con lo stesso stile di «guerriglia urbanistica» entra a gamba tesa in una zona che ha acceso un dibattito caldissimo dentro e fuori da Palazzo Ducale. Con il progetto di costruire due palazzine di 5 e 6 piani e un supermercato di circa 2mila metri quadri rivolto verso via Luna e Sole, prima bocciato in commissione e poi ritirato dalla cagliaritana Maspa poche ore prima della discussione in consiglio. Anche per la sollevazione di residenti e commercianti della zona.«Proprio questo – sottolinea Vincenzo Culotta – ci ha convinti a metterci al lavoro. Per elaborare un progetto, concreto, ma soprattutto mettere a disposizione una suggestione. Che inneschi il dibattito e raccolga un desiderio forte espresso da chi a Luna e Sole vive e lavora».Un progetto che nasce da dati molto tangibili. Sulla zona, privata, interessata dall’intervento c’è una specifica scheda norma del Puc che prevede 36mila metri cubi di cubatura tra residenziale e commerciale. E la bocciatura è arrivata per la «forma» scelta per l’intervento (in sostanza la distribuzione degli edifici e l’accorpamento delle volumetrie commerciali) e non per il mancato rispetto dei parametri. «Ma forse – spiega Culotta – quella scheda, e quei parametri, è il caso di rivederli con una variante del Puc. E non solo per rispondere alle esigenze dei residenti, ma anche a precise regole urbanistiche».Effettivamente nel decreto Floris del 1993, la Bibbia della materia, si fissa un parametro di 9 metri quadri di zone S3 per abitante. Nei 80 ettari di Luna e Sole-Prunizzedda gli abitanti sono quasi 10mila. E le zone S3 poco più di due ettari rispetto ai 9 che sarebbero dovuti.«È evidente che c’è una carenza grave – sottolinea il progettista –. Che potrebbe in parte essere colmata utilizzando l’area in questione, uno dei pochi “vuoti” rimasti nel quartiere».Rimane il fatto che l’area è privata. Anche se molto particolare, visto che è di proprietà del clero e frutto di una donazione per “scopi sociali”. «Nel nostro progetto – continua Culotta – è comunque prevista una parte di edificazione, circa 12mila metri cubi. Capiamo che c’è da mediare con i leciti interessi del privato. Ma siamo sicuri che si potrebbero trovare soluzioni. Magari salendo oltre i sette piani di altezza. O dando volumetrie in altre zone. Rimane però il punto che la zona è da “salvare”. E che la sua valorizzazione è una occasione irripetibile per il quartiere e la città».Il progetto, frutto di un confronto con cittadini e commercianti della zona, è a disposizione di tutti. E oggi sarà presentato in un incontro in Microsoft teams ai cittadini e ai comitati di quartiere. «È un sasso nello stagno – chiude Culotta – o meglio una palla di neve che speriamo possa diventare una valanga».©RIPRODUZIONE RISERVATA 

leggi l’articolo su: La nuova Sardegna

What do you think?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Enthusiast

Written by ViviSassari

Years Of MembershipList MakerMeme MakerPoll Maker

Sassari, raffica di condanne a finanziarie per prestiti con cessione del quinto

Porto Torres: test Covid a ritmi serrati, si entra nelle scuole