in

Incendio Athara, lo sbarco a Porto Torres: “Sembrava l’inferno”

C’è chi arriva da Torino, chi invece da Milano o dalla Germania: mezzi anneriti dal fumo e passeggeri al seguito sono sbarcati dalla Bithia alle 9 al molo di ponente a Porto Torres.

Sono reduci da una notte di inferno, quella di mercoledì quando, poco prima delle 22, è scoppiato l’incendio nel ponte 3 del traghetto Athara, dove un camion frigo aveva preso fuoco e le fiamme avevano investito altri sette autoarticolati.

La nave partita dallo scalo ligure in direzione Porto Torres, era ritornata indietro a 40 miglia dalla costa, al largo della Corsica rientrando in porto alle 2.40.

“Per un attimo abbiamo pensato fosse successo l’inferno” – racconta una ragazza 24enne di Oristano – “il personale di bordo urlava che bisognava abbandonare la nave. Indossava la maschera per l’ossigeno e il fumo aveva invaso corridoi e cabine”.

Attimi concitati in cui qualcuno è riuscito a raccogliere i propri bagagli e a radunarsi nella zona poppiera, al sicuro dove è avvenuto il conteggio.

“Ci hanno contato e ci hanno rassicurato – racconta un uomo 67 anni di Sorso – l’incendio era stato domato e quindi il comandante aveva deciso di cambiare rotta e ritornare a Genova. Ma posso dire che sono stati momenti di terrore”. Sulla nave 176 passeggeri e 42 membri di equipaggio.

continua a leggere su: L’Unione Sarda

What do you think?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Enthusiast

Written by ViviSassari

Years Of MembershipList MakerMeme MakerPoll Maker

Thiesi: a spasso con marijuana dopo le 22

FestivAlguer 2020, al via sabato 19 dicembre con lo spettacolo “WOW, tra magia e varietà”