in

Dieci psicologi in campo per lo stress da Covid

La Assl potenzia il servizio di supporto dedicato a operatori sanitari e a chi è in isolamento domiciliare
SASSARI. Uno stress crescente, che per alcuni rischia di diventare insostenibile. Sia tra i cittadini, costretti dalla positività al Covid, a uno stato di isolamento domiciliare. Sia per gli operatori sanitari impegnati nel contrastare l’emergenza pandemica, con turni spesso massacranti e costretti a gestire situazioni limite e di continua pressione.Una condizione potenzialmente esplosiva, su cui la direzione della Assl Sassari ha deciso di intervenire con maggiore decisione, potenziato il servizio di supporto psicologico e allargandolo a tutti i distretti di sua competenza.Da questa settimana infatti, oltre al Distretto di Sassari, anche in quelli Ozieri e Alghero è operativo il Gruppo di Psicologia dell’Emergenza composto da nove psicologi e da uno psichiatra.I dieci componenti del team assistono telefonicamente i pazienti in condizione di isolamento domiciliare e gli operatori sanitari impegnati nel contrastare l’emergenza pandemica per fronteggiare al meglio lo stress, aumentare le competenze psichiche ed emozionali e consentire l’elaborazione dell’esperienza vissuta.Il servizio di supporto psicologico può già essere richiesto dal medico di medicina generale o dai medici delle Unità Speciali di Continuità Assistenziale (le ormai celebri Usca) scrivendo all’indirizzo e-mail psicologicovid.asslsassari@atssardegna.it. La mail, alla quale deve essere allegata l’impegnativa, deve contenere i dati del paziente, i suoi contatti telefonici e le necessità psicologiche.Il servizio di sostegno psicologico, coordinato dalla dottoressa Irene Melis, resterà attivo fino alla conclusione dell’emergenza pandemica.

leggi l’articolo su: La nuova Sardegna

What do you think?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Enthusiast

Written by ViviSassari

Years Of MembershipList MakerMeme MakerPoll Maker

Il trasporto disabili si fa in undici

«Usiamo meglio i medici militari di via Pirandello»