in

«Il mio aldilà? È col Milan che vince sempre»

Mi ricordo ancora, questa estate, in una veranda alla casa al mare, per qualche motivo rimanemmo soli una manciata di minuti a parlare del Milan che rinasceva, nostra grande passione, e della demenza…
Mi ricordo ancora, questa estate, in una veranda alla casa al mare, per qualche motivo rimanemmo soli una manciata di minuti a parlare del Milan che rinasceva, nostra grande passione, e della demenza dei film di Boldi e De Sica. Poi, tra una battuta e un’altra, quella domanda inattesa, improvvisa, che mi spiazzò: «Piè, ora sono serio, tu come pensi che sia l’aldilà? Io rimasi sorpreso. Come sempre fanno i preti ti rigirai la domanda. «Tu come pensi che sia?» e tu ti lanciasti in questa risposta. «Non lo so, io me lo immagino esattamente come il nostro mondo, con le persone che amo, nei luoghi dove sono stato bene, solo senza dolore, senza fatica, senza pensieri brutti. E con il Milan che vince lo scudetto sempre». Eri così, dovevi sempre finire con una battuta. Eri così. Profondità e leggerezza. Generosità e intelligenza. Curiosità e simpatica irriverenza. Totalmente offerto a chi ti stava accanto. Totalmente vero. Buon riposo carissimo Elio. Il mondo ha e avrà sempre bisogno di persone come te. Ci rivedremo un giorno in Paradiso, e spero proprio che sarà così come te lo sei sempre immaginato. Dio ti benedica.Don Piero Paulesu

leggi l’articolo su: La nuova Sardegna

What do you think?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Enthusiast

Written by ViviSassari

Years Of MembershipList MakerMeme MakerPoll Maker

«Allo Zecchino d’oro grazie alla sua fantasia»

Satta aveva 38 anni, il suo cuore si è fermato improvvisamente