in

Sassari, nove idee per rilanciare il centro

Ultimi passi per il lungo cammino degli Iti. I progetti, frutto di mesi di copartecipazione, sono prontidi Giovanni Bua

13 Dicembre 2020

SASSARI. Teatro dialettale e internet delle cose, app e spazi di coworking, marketing internazionale e artigianato, arte, cultura, storia. E, più di tutto, partecipazione. Sono nove i progetti in campo per ridare vigore al cuore malato della città: il centro storico. Arrivati agli ultimi passi dopo un lungo cammino. Fatto all’interno degli investimenti territoriali integrati (lo strumento a supporto dell’attuazione dell’Agenda Urbana Ue 2014-2020), dedicati al “ricentramento” della città murata. E declinati in un articolato percorso in quattro fasi: mappatura dei bisogni, creazione di partnership tra pubblico, enti del terzo settore e privati, “call to Action” con la selezione delle idee più innovative e di impatto. E infine i Living lab, dove i bisogni e le sfide emerse nelle fasi precedenti hanno trovato soluzione. Grazie a un processo di sperimentazione “aperto” che ha coinvolto i cittadini, l’amministrazione comunale, l’università e le imprese. Un processo virtuoso che ora si prepara a diventare pienamente operativo, e a calarsi nella realtà del cuore antico della città, per dare una importante scossa. Il primo progetto è “App centro storico”, presentata dal CCn “Il Corso”: un’applicazione (in 5 lingue), pensata come un social network interattivo, affiancata dalla realizzazione di tre percorsi virtuali e fisici. (Candelieri, botteghe storiche, locali tipici), dall’installazione di totem interattivi touch screen e dallo sviluppo di una strategia di marketing territoriale e internazionale. Il secondo è “A digital nomad town” realizzato da Roberto Oronti in partnership con Habitat. Prevede la creazione di una struttura di residenza e co-working che attiri lavoratori digitali che, per le caratteristiche proprie della loro attività, non hanno necessità di essere fisicamente vicino ai fruitori dei servizi erogati. Il terzo progetto è “I-Tattari” e prevede la realizzazione di un ambiente di innovazione aperta e di aggregazione per co-creare, sperimentare e promuovere delle soluzioni innovative e diffondere competenze digitali. Poi “Maker Labss”, proposto dalla Sacerlab, che intende promuovere e diffondere la cultura digitale e dell’Internet delle cose (IoT), nonché del mondo Makers, attraverso la realizzazione di specifici corsi di formazione su alfabetizzazione digitale, modellazione e stampa 3D, utilizzo della robotica e artigianato digitale. E ancora “Wow factory” di Paola Mulas e Francesca Arras in partership con il Conservatorio Canepa, la coop L’Aquilone, Kiber Teatro, S’Ala, gli Amici dei musei d’Abruzzo e il Fablab. La proposta è di coinvolgere i ragazzi in una project room dedicata alla scoperta ed esposizione di progetti contemporanei di arte, design, architettura, spazi urbani, musica, teatro, danza. Il sesto progetto è “Una piattaforma digitale per la cultura” proposto da Alberto Lubino e Compagnia Teatro Sassari. La piattaforma digitale fornirà informazioni sugli eventi del centro storico e servizi come prenotazioni online, crowdfunding e sistemi di raccolta di idee per avviare iniziative di progettazione che partano dai cittadini stessi. E ancora “Porte e quartieri”, un festival di teatro urbano dialettale proposto da Enrico Fancellu: un evento culturale annuale, dal forte richiamo all’identità locale, ma che deve ambire a diventare manifestazione di portata nazionale e internazionale, incentrato sull’allestimento di pièce teatrali, in vernacolo sassarese, rappresentative dei momenti storici più significativi che hanno caratterizzato l’evoluzione urbana dell’antica Città murata. E poi “Ricreazione urbana”: la realizzazione di una banca dati cittadina con contenuti di carattere storico, artistico, architettonico, ma anche di pubblica utilità, con lo sviluppo di una App e la realizzazione di contenuti multimediali (immagini, video, interviste, giochi e altro) che costituiscano materiale per la strutturazione di percorsi di comunicazione e itinerari urbani tematici.E infine “Urb Act” di Luciano Idda, insieme a Snap e Hedra studio, che vuole creare uno studio di progettazione architettonica e di architettura digitale che metta assieme più figure professionali per offrire servizi rivolti all’innovazione tecnologica e all’uso di nuove tecniche di progettazione, pianificazione economica e realizzazione del prodotto.©RIPRODUZIONE RISERVATA

leggi l’articolo su: La nuova Sardegna

What do you think?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Enthusiast

Written by ViviSassari

Years Of MembershipList MakerMeme MakerPoll Maker

I 100 anni di maestra Ottavia Bagiella

Coronavirus, la situazione a Nule e Florinas