in

Ai genitori: «Vi strozzo». Figlio condannato

Maltrattamenti, minacce di morte e richieste di denaro. Un anno e 4 mesi di reclusione a un 34enne
SASSARI. Continue violenze fisiche e psichiche ai genitori e minacce di morte del tipo: «Vi strozzo, vi ammazzo tutti e due». E poi umiliazioni e pesanti offese. Un 34enne di un paese dell’hinterland di Sassari, a processo con giudizio immediato per maltrattamenti, è stato condannato ieri dal giudice Giulia Tronci a un anno e quattro mesi di reclusione. L’uomo si trova già in carcere perché per quei fatti era stato arrestato lo scorso gennaio.Un padre e una madre disperati, costretti a un certo punto a denunciare quel figlio così problematico e violento al quale anni prima era stata diagnosticata una forma di schizofrenia. Parzialmente gestibile con i farmaci finché il 34enne non ha deciso di interrompere la terapia. La forza di due genitori, di fronte a un figlio in preda a continui scatti d’ira, non può durare per sempre e infatti un giorno sono stati costretti a chiamare i carabinieri.Il clima familiare era diventato insostenibile tanto che i due coniugi, per paura che il giovane potesse far loro del male, si chiudevano a chiave nella stanza da letto durante la notte. Il giorno successivo l’incubo ricominciava, le richieste di denaro diventavano sempre più frequenti e spesso erano accompagnate da percosse e umiliazioni di ogni genere. Era anche successo che il 34enne avesse portato via i telefoni ai genitori per impedire che chiamassero le forze dell’ordine. E tra urla e insulti aveva in più occasioni rovesciato suppellettili e danneggiato gli arredi. Ma quel figlio aveva dei problemi, un fatto innegabile. E per questo motivo è stato sottoposto a perizia psichiatrica, così come disposto dal giudice e richiesto dal suo avvocato difensore Roberto Uzzau. La specialista che ha esaminato il caso ha stabilito che la capacità di intendere e volere dell’imputato al momento dei fatti contestati era “grandemente scemata”. Ieri mattina, al termine della discussione, il pubblico ministero ha chiesto la condanna del 34enne a due anni di reclusione. L’avvocato Uzzau ha evidenziato i tratti della personalità del suo assistito e ha sollecitato che venisse esclusa l’aggravante della recidiva. Il giudice ha accolto la richiesta e ha condannato l’uomo a un anno e 4 mesi disponendo che al termine della detenzione venga preso in carico da una struttura per essere curato. (na.co.)

leggi l’articolo su: La nuova Sardegna

What do you think?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Enthusiast

Written by ViviSassari

Years Of MembershipList MakerMeme MakerPoll Maker

Oltre mille evasori Imu mancano 3 milioni di euro

Offese al collega su WhatsApp, due agronomi si difendono