in

Pronti 250mila euro: in porto l’isola ecologica

Castelsardo ottiene il finanziamento per potenziare il servizio di raccolta rifiuti Gli operai proseguono con le operazioni di bonifica e pulizia di pontili e fondaledi Donatella Sini

02 Dicembre 2020

CASTELSARDO. Va avanti l’iter per l’attivazione dei lavori per la ristrutturazione dell’isola ecologica dell’area del porto, la bonifica e la pulizia dei pontili, destinati alle imbarcazioni della pesca professionale, attraverso il dragaggio del fondale, e l’installazione di sistemi di raccolta “a filtro” di rifiuti e plastiche marine dalle stesse banchine. Si è tenuto infatti, nei giorni scorsi, il sopralluogo al porto di Frigiano da parte del tecnico incaricato dell’Ufficio Pesca e Acquacoltura di Argea, Antonio Ganadu. Il comune di Castelsardo, unico ente che è riuscito a conquistare il finanziamento, ha infatti ricevuto comunicazione dall’assessorato dell’Agricoltura della regione, nell’ambito del Programma Operativo Feamp 2014/2020, dell’ottenimento di un contributo di 250 mila euro, derivanti da fondi comunitari, nazionali e regionali, pari al 100% della spesa ammissibile dell’intervento, per migliorare le infrastrutture preesistenti dei porti di pesca e contribuire così alla protezione dell’ambiente. L’ attuale isola ecologica è infatti assolutamente inadeguata, non essendo differenziata per diportisti e pescatori. Verrà quindi approntata un’area completamente separata, al fine di favorire i pescatori, a seguito anche dell’entrata in vigore della legge cosiddetta “Salvamare”, per la gestione ed il riciclo dei rifiuti accidentalmente o volontariamente rinvenuti in mare. Con la vecchia normativa infatti, i pescatori rischiavano un’accusa di “traffico di rifiuti”, nel caso avessero riportato a terra scarti, accidentalmente o volontariamente raccolti in mare. Ora invece, la spazzatura accidentalmente pescata verrà equiparata a quella prodotta sugli scafi e potrà essere conferita, gratuitamente, presso gli impianti portuali di raccolta, integrati nel sistema comunale di gestione dei rifiuti, trasformando i pescatori in veri e propri “operatori ecologici” . «Ringraziamo l’assessore regionale Gabriella Murgia ed i funzionari di Argea – dichiara l’assessore alla pesca ed all’ambiente, Roberto Fiori – per aver scelto il nostro come unico comune finanziato per questa tipologia di interventi». «Si inizia a dare un’impronta diversa al nostro porto e ai nostri servizi – sottolinea il sindaco Antonio Capula – le esigenze dei pescatori tornano in primo piano e con esse la salvaguardia dell’ambiente». ©RIPRODUZIONE RISERVATA

leggi l’articolo su: La nuova Sardegna

What do you think?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Enthusiast

Written by ViviSassari

Years Of MembershipList MakerMeme MakerPoll Maker

Rotatoria a Rizzeddu, contratto da stracciare

Raid al centro screening rubato materiale sanitario