in

“Sballo postale”, la droga nelle lettere

Dogana e Finanza hanno intercettato plichi partiti dall’Olanda: 93 le spedizioni dirette nel Sassarese e in Sardegnadi Gianni Bazzoni

01 Dicembre 2020

SASSARI. Lo “sballo postale”, la droga nascosta nella corrispondenza, dentro i bigliettini di auguri, incollata alle cartoline o nelle pagine dei libri, nei francobolli e perfino nelle confezioni dei cerotti. Il nuovo viaggio degli stupefacenti che comincia soprattutto in Olanda aveva come destinazione anche Sassari e la Sardegna dopo un passaggio a Milano Linate.La scoperta è stata fatta dai funzionari dell’Agenzia Dogane Monopoli di Milano 3 e dai militari della Guardia di finanza del gruppo dell’aeroporto di Linate che hanno intercettato durante l’attività di controllo diversi tipi di stupefacenti. Tutti i pacchi – spedici prevalentemente dall’Olanda – erano destonati a persone fisiche residenti nelle regioni della penisola. I plichi destinati alla Sardegna intercettati dai finanzieri sono stati poco meno di 100 nel corso di un anno, a partire dal novembre 2019.Un anno di attività ininterrotta, una sinergia operativa che ha permesso di sequestrare complessivamente – a livello nazionale – 50 chili di droga, tutti transitati in un solo canale di spedizione. Il quantitativo rilevante, infatti, è stato scoperto grazie al controllo quotidiano dell’autotreno proveniente dai Paesi Bassi e il monitoraggio ha portato alla scoperta di quasi 15 chili di anfetamina e 4 di metanfetamina (allo stato solido e liquido), 2 chili tra eroina e cocaina, 15 chili tra hashish e marijuana, oltre 10mila francobolli di Lsd e 10 chili di funghi allucinogeni. E soprattutto 600 grammi di Ghb (la droga liquida comunemente detta “dello sturo”, che solo con alcune gocce è in grado di inibire la capacità di intendere e volere dell’assuntore).Dalle indagini finora è trapelato che la droga veniva ordinata via web e transitava ogni giorno dentro buste che non avevano l’indicazione del mittente in mezzo a migliaia di lettere di corrispondenza in attesa di smistamento presso il centro postale di Milano Linate. Secondo le informazioni acquisite dagli investigatori della Guardia di finanza, il quadro che emerge è allarmante. Specie in riferimento alla vastissima domanda di sostanze da sballo da parte di destinatari che poi a loro volta gestivano un fiorente mercato dello spaccio. L’attività – stando alle valutazioni degli inquirenti – non si sarebbe mai fermata nonostante i primi sequestri ed è proseguita per un anno intero senza mai subire particolari rallentamenti. Un fenomeno che ora viene studiato con attenzione: il canale degli stupefacenti inviati per posta sarebbe stato scelto perchè ritenuto più sicuro e meno sospetto da parte dei venditori di droga e degli stessi clienti. Le indagini proseguono con una serie di approfondimenti specifici – anche nel Sassarese e in Sardegna – da parte degli investigatori della Guardia di finanza.

leggi l’articolo su: La nuova Sardegna

What do you think?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Enthusiast

Written by ViviSassari

Years Of MembershipList MakerMeme MakerPoll Maker

Cure costose, bimbo rischia la vita

Fischio finale per la tabaccheria