in

Mulas: «La città risorgerà con il contributo di tutti»

Prima seduta del consiglio comunale nella sala conferenze Filippo Canu  Il sindaco: «Vogliamo ridare finalmente forza e dignità alla nostra comunità»di Gavino Masia

26 Novembre 2020

PORTO TORRES. Riportare la città di Porto Torres al ruolo che merita nel contesto dell’area vasta e con il contributo di tutto il consiglio comunale. Queste parole sono state il filo conduttore del primo consiglio comunale guidato dal nuovo sindaco Massimo Mulas – ieri sera nella sala conferenze Filippo Canu – dove sono stati ufficializzati tutti i punti già anticipati dalla Nuova Sardegna nei giorni scorsi. Ossia le condizioni di eleggibilità e di compatibilità del sindaco e dei consiglieri comunali, la surroga dei consiglieri che sono stati nominati assessori, il giuramento del sindaco e la presa d’atto della comunicazione della nomina dei componenti della giunta e del vicesindaco. Maggioranza compatta anche nell’elezione del presidente del consiglio, Franco Satta, e il contributo dell’opposizione nella nomina dei vicepresidenti Annalisa Dessì del Pd e Ico Bruzzi di Cambiamo! Porto Torres. Ad aprire la seduta consiliare è stato il consigliere più votato nella consultazione elettorale, il sardista Bastianino Spanu, che nel suo intervento ha voluto ricordare la figura di un grande sardista venuto a mancare di recente, Pietro Madeddu. «Raccolgo l’appello lanciato in questi giorni dal sindaco per dare il nostro contributo nel far risorgere questa città – ha detto Spanu – e come primo partito apriamo quindi una linea di credito politica: la nostra sarà un’opposizione vigile, costruttiva e con la determinazione di creare un’altra Porto Torres, migliore sotto tutti i punti di vista».Al palco si è poi avvicinato Massimo Mulas, visibilmente emozionato, che ha ringraziato tutto e tutti per aver raggiunto questa opportunità politica nella città dove è nato e cresciuto. «Vogliamo ridare forza e dignità alla nostra comunità – ha sottolineato –, perchè negli ultimi anni il territorio si è scordato che Porto Torres è stato il motore economico della Sardegna. Non ci siamo presentati come dei “visionari” – ha aggiunto –, perché questi tempi richiedono di agire con immediatezza e concretezza: la nostra comunità soffre, ed è un momento storico difficile e la salute pubblica viene prima di ogni cosa». Per il nuovo sindaco bisogna però entrare subito nel merito dei problemi. «Fino ad ora la crisi è stata mal gestita e il peso è stato scaricato sulle amministrazioni locali, che non sono pronte a gestire questa emergenza. Ringrazio comunque la coalizione che ha perso, perché ha contribuito allo svolgimento di una campagna elettorale seria e concentrata sui problemi, a dimostrazione che il momento è serio. Dobbiamo attivare insieme un processo che favorisca la partecipazione di tutta la comunità. È un momento di una gravità unica, ed è necessario che tutti portino un contributo concreto e forte alla causa». Per il sindaco, messaggio chiaro all’opposizione: «Il pluralismo è un valore».

leggi l’articolo su: La nuova Sardegna

What do you think?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Enthusiast

Written by ViviSassari

Years Of MembershipList MakerMeme MakerPoll Maker

Pattada, il cane Pistacchio diventa una star mondiale

Palazzo Ducale, seduta in streaming