in

La pandemia non spegnerà le luminarie di Natale

I commercianti del centro stanno preparando allestimenti e altre iniziative «Non ci arrendiamo, anche se queste feste saranno più austere del passato»
SASSARI. I commercianti non faranno mancare ai sassaresi la gioia di immergersi nel clima natalizio, tradizionalmente rappresentato da luminarie, addobbi, e tutte quelle iniziative collaterali che animano le festività di fine anno. Già da alcuni giorni nei gruppi di negozi, centri commerciali naturali e associazioni di strada è un continuo scambiarsi di messaggi e mail per programmare cosa e come fare.Nonostante l’incertezza legata alla pandemia, nonostante le vendite soffrano obiettivamente dell’emergenza sanitaria, c’è la voglia di pensare positivo e non arrendersi. E i negozianti sono pronti a fare la loro parte, anche se c’è un nemico insidioso da combattere.Al centro storico e nelle altre vie commerciali cittadine che hanno sempre dato un contributo di accoglienza allo shopping delle famiglie, si sta lavorando, quindi, per non far mancare quel calore che è parte del Natale e che è dato dallo scintillio delle luminarie, dalle vetrine colorate di rosso e oro.Già i primi segnali si possono vedere, anche se bisognerà aspettare dicembre perché tutto sia pronto. «Siamo in una fase di decisione – spiega Mina Multineddu, del negozio Tomè in via Luzzatti –. Negli anni scorsi le nostre luminarie hanno sempre avuto un grande apprezzamento e hanno contribuito allo spirito natalizio. Certo, affrontiamo queste festività in una situazione che non ha precedenti. Ma questo non significa, a meno di provvedimenti ulteriori di restrizione, che dobbiamo rinunciarci. Piuttosto dobbiamo essere consapevoli della situazione di austerità che stiamo vivendo. Dobbiamo farcene una ragione e celebrare comunque il Natale anche se saremo in mascherina, anche se non possiamo abbracciarci».Anche in largo Cavallotti ci si prepara agli allestimenti. «Stiamo verificando le procedure burocratiche legate all’installazione delle luminarie – dice Sandra Mulas, del negozio Pasquali –. La volontà c’è e adesso si tratta di prendere le ultime decisioni. In passato abbiamo sempre illuminato la strada perché lo shopping si svolgesse in un’atmosfera gioiosa e, sebbene ci troviamo in un momento difficile, siamo convinti che una città ospitale sotto questo profilo, possa contribuire anche a rasserenare la clientela».Alla Galleria Cavour, che finora ha sempre stupito i sassaresi con i suoi allestimenti natalizi, sono già avanti nell’organizzazione. Promette «molte sorprese», Gavino Macciocu, anima delle iniziative dei commercianti della strada, e che come tali non vuole svelare. «Per il Natale 2019 abbiamo portato le vele latine, proporremo altre iniziative con esposizioni legate alla storia, all’arte, alla cultura e ai mestieri della nostra città – annuncia il commerciante –. Stiamo già predisponendo un nuovo tetto di luci, con un’illuminazione a led a consumo ancora più basso, per il nostro museo a cielo aperto. Siamo a buon punto e ci mancano solo le autorizzazioni. La situazione di emergenza sanitaria che stiamo vivendo – riflette Macciocu – ci spinge ad impegnarci ancora di più». (p.f.)

leggi l’articolo su: La nuova Sardegna

What do you think?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Enthusiast

Written by ViviSassari

Years Of MembershipList MakerMeme MakerPoll Maker

Libero il parrucchiere “sequestrato” per Covid

Sorso, il municipio resta chiuso