Mascherine, distanze, obblighi per i locali: le misure anti Covid a Sassari

0
32

Nuova ordinanza anti Covid del sindaco di Sassari Nanni Campus.

Viene prorogato, “tenuto conto dell’aumento dei contagi in città”, l’obbligo di utilizzare le mascherine a tutte le ore “anche all’aperto, negli spazi di pertinenza dei luoghi e locali aperti al pubblico nonché negli spazi pubblici laddove per natura, idoneità e caratteristiche fisiche dei luoghi sia più agevole il formarsi di assembramenti anche di natura spontanea o occasionele, come fermate di mezzi pubblici, spazi antistanti esercizi commerciali”.

La mascherina, viene precisato, “deve coprire dal mento al di sopra del naso, indossarla irregolarmente equivale a non indossarla e configura inottemperanza alle prescrizioni”. Esentati dall’obbligo bimbi con meno di sei anni e persone affette da disabilità o malattie incompatibili con l’uso continuativo della mascherina.

Restano invariate e prioritarie le altre misure come il distanziamento e l’igiene costante delle mani.

Restano chiuse le discoteche, le sale da ballo e i locali assimilati, all’aperto e al chiuso, anche se si svolgono in “lidi, stabilimenti balneari”.

Nei ristoranti bisogna annotare in un registro nominativi e numeri di telefono dei clienti, che vanno tenuti a disposizione degli organi di vigilanza per 14 giorni. I tavoli vanno allestiti in modo da assicurare il distanziamento di un metro tra i conviventi.

Quanto a bar, pub, gelateria, sia per i clienti seduti ai tavoli che per quelli in piedi, va rispettato il distanziamento di un metro, a meno che non si tratti di persone abitualmente conviventi. I clienti seduti ai tavoli devono indossare le mascherine “ad eccezione del momento in cui consumano alimenti e bevande”.

Ancora: obbligo di mascherina sempre per i camerieri e divieto di utilizzo del menù cartaceo. I menù devono essere consultabili online o, in alternativa, possono essere in stampa plastificata in modo da essere sanificati dopo l’uso.

Infine, in caso di assembramenti provocati dai clienti di un locale, ne rispondono non solo gli autori, ma anche il legale rappresentante delle attività interessate.

(Unioneonline/L)

continua a leggere su: L’Unione Sarda

promo lavazza sassari

RISPONDI

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome