I vandali dello specchietto danneggiano dieci auto

0
9

Mercoledì notte la nuova scorribanda nelle strade vicino al centro storico I carabinieri avvertiti da una testimone hanno identificato un gruppo di giovani di Gavino Masia

29 Agosto 2020

PORTO TORRES. I vandali che si divertono a rompere gli specchietti delle auto in sosta sono ricomparsi sulla scena nella notte tra mercoledì e giovedì. Una “bravata” di giovani, almeno dal racconto di alcuni residenti, che ha danneggiato oltre una decina di vetture. La scorribanda notturna è avvenuta nelle strade vicino al centro cittadino – via Ettore Sacchi, via Azuni, via Foscolo e via Petronia – e ad avvertire la centrale operativa dei carabinieri è stata una donna che dalla finestra della sua casa ha visto quello che stava accadendo. I militari sono intervenuti immediatamente sul posto e hanno identificato quelli che potrebbero essere gli autori degli atti vandalici.Al momento sono in corso degli approfondimenti investigativi da parte dei carabinieri della compagnia di via Antonelli, come conferma il capitano Danilo Vinciguerra, ma nessuna denuncia è stata ufficializzata in attesa degli sviluppi delle indagini. A quanto pare si trattava di un gruppo di giovani che correva all’impazzata per le vie del centro storico, prendendo di mira le macchine parcheggiate. «A tarda notte ho sentito dei ragazzi che correvano in via Petronia – racconta Giomaria Pala – e poi ho visto che prendevano ripetutamente a calci gli specchietti delle auto: compreso quello elettronico della mia vettura (circa 300 euro di danno), che dovrò ora sostituire». Alcuni residenti si sono accorti dei danni solo la mattina, una sgradevole sorpresa che ha mandato molti su tutte le furie. Altri proprietari di auto hanno ugualmente sentito grida e rumori vicino alle loro abitazioni, e quando sono usciti in strada hanno solo potuto constatare che gli specchietti retrovisori erano stati rotti, perché i vandali si erano già allontanati.La telefonata arrivata al 112 ha permesso comunque ai carabinieri di raggiungere il gruppo di persone che si trovavano nelle vie adiacenti a quelle delle auto vandalizzate. La loro identificazione a quell’ora di notte, inoltre, potrebbe essere una prova decisiva per risalire ai colpevoli. E per far capire che il danneggiamento della proprietà privata è un atto che, pur non avendo più rilevanza penale rispetto al passato, rappresenta una ipotesi di illecito amministrativo punito con una sanzione. L’entità della sanzione è compresa tra cento euro e ottomila euro. Al di là degli atti vandalici – gli inquirenti sono fiduciosi di risolvere il caso – nelle notti turritane le scorribande dei giovani sono purtroppo all’ordine del giorno nella parte bassa di via Libio. Grida a perdifiato alle 3 del mattino, spinte e giochi tra ragazzi che disturbano e svegliano di soprassalto tutto il vicinato. Una situazione segnalata a più riprese alla polizia locale dai residenti della via, soprattutto perché ci sono persone che riposano per alzarsi la mattina presto e andare al lavoro.

leggi l’articolo su: La nuova Sardegna

promo lavazza sassari

RISPONDI

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome