Manca: gestione trasparente dei ricoveri Covid

0
25

Mozione della capogruppo del M5S in consiglio regionale: pazienti e familiari non vengano lasciati soli
SASSARI. «L’aumento dei casi di coronavirus registratosi nel Nord Sardegna negli ultimi giorni ha fatto emergere con nuova forza i rilevanti problemi di comunicazione già riscontrati durante il periodo di lockdown, sia dai pazienti costretti a rivolgersi al pronto soccorso sia dai loro familiari. Una volta che il paziente viene preso in carico dall’ospedale, com’è noto, i familiari devono obbligatoriamente allontanarsi e possono restare in contatto con la struttura per ricevere informazioni esclusivamente via telefono. Un’operazione apparentemente semplice che invece si sta rivelando un’impresa, dal momento che le linee telefoniche sono spesso intasate e ogni altro tipo di contatto è precluso». Parte da questa considerazione la capogruppo del M5S in consiglio regionale per sottolineare l’importanza di una questione che deve necessariamente stare a cuore a tutti: «Nonostante il pronto soccorso del Santissima Annunziata di Sassari – spiega Desirè Manca – abbia messo a punto un algoritmo gestionale ad hoc allo scopo di evitare la penetrazione del virus all’interno della struttura e salvaguardare la sicurezza di pazienti e operatori, nulla è stato fatto per quanto riguarda il supporto di familiari e accompagnatori che troppo spesso, come lamentato dagli stessi, sono rimasti in attesa di informazioni sulle condizioni di salute di madri, padri, figli. Una situazione inaccettabile in questo momento, in cui più che mai è fondamentale che le strutture sanitarie di riferimento si facciano carico non solo degli aspetti fisici della malattia ma anche di quelli psicologici».Questa la premessa contenuta nella mozione presentata dalla Manca (e sottoscritta dai consiglieri pentastellati Roberto Li Gioi, Michele Ciusa, Alessandro Solinas) che impegna il presidente della Regione e la giunta a implementare con urgenza l’algoritmo gestionale adottato dal pronto soccorso e dal reparto di Medicina d’urgenza del Santissima Annunziata.«Chiediamo che gli strumenti informativi e le modalità di supporto all’attesa vengano adeguati a quelle che sono le reali esigenze delle persone. I familiari devono poter conoscere le condizioni di salute dei propri cari in modo costante e dettagliato, sin dall’attività di triage, particolarmente cruciale per l’eventuale aggravamento del quadro clinico».«In questo delicato periodo – continua la capogruppo del M5S – è fondamentale che la gestione delle urgenze avvenga in totale sicurezza, ma nel contempo chiediamo che la presa in carico del paziente avvenga in totale trasparenza e costante aggiornamento per i familiari oggettivamente impossibilitati oramai a supportare emotivamente e psicologicamente i propri cari. Questo problema può essere risolto e dobbiamo farlo subito. Aiutiamo i cittadini a sentirsi meno soli».

leggi l’articolo su: La nuova Sardegna

promo lavazza sassari

RISPONDI

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome