Merce contraffatta: senegalese in manette

0
16

L´uomo è stato arrestato venerdì pomeriggio dai Baschi verdi della Seconda Compagnia di Cagliari e dai finanzieri della Tenenza di Muravera per i reati di possesso di prodotti falsi e resistenza a pubblico ufficiale

MURAVERA – Nel fine settimana, particolare attenzione è stata rivolta ai litorali della costa sud orientale della Sardegna da parte dei Baschi verdi della Seconda Compagnia di Cagliari e dai finanzieri della Tenenza di Muravera. Sabato pomeriggio, a Villasimius, nelle strade adiacenti alla spiaggia di Simius, i militari hanno sottoposto a controllo un 36enne senegalese intento nella vendita di prodotti contraffatti. Nelle fasi iniziali del controllo, il venditore abusivo si è violentemente scagliato contro i finanzieri, cercando più volte di fuggire, e colpendone due con calci e pugni. I militari, dopo aver reso inoffensivo l’uomo, hanno trovato tre borsoni contenenti 137 capi d’abbigliamento riportanti marchi contraffatti delle principali case di moda.
La successiva perquisizione domiciliare, nella casa del 36enne, a Quartu Sant’Elena, ja permesso di sequestrare altri cinque capi contraffatti, ma soprattutto quaranta etichette con i loghi delle principali case di moda, accanto al materiale per il confezionamento dei prodotti contraffatti, come colla speciale e ferro da stiro professionale. L’extracomunitario è stato tratto in arresto per i reati di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale e per ricettazione e vendita di prodotti con marchi contraffatti e questa mattina (lunedì) è stato sottoposto al giudizio con rito direttissimo nel Tribunale di Cagliari, che ha convalidato l’arresto e ha accolto la richiesta di patteggiamento ad otto mesi di reclusione.
Venerdì pomeriggio, è stato denunciato a piede libero un 40enne senegalese per possesso di merce contraffatta e ricettazione. Durante l’attività di perlustrazione lungo le strade che conducono alla spiaggia di Campulongu, a Villasimius, i militari hanno notato un extracomunitario che, alla vista delle pattuglie, ha cercato di nascodere tra la vegetazione alcuni prodotti che stava vendendo, poi risultati essere ventotto capi di abbigliamento riportanti i marchi contraffatti delle principali case di moda. La successiva perquisizione dell’abitazione, a Iglesias, ha permesso di rinvenire sette dvd privi del marchio Siae, ma soprattutto 1.375 etichette con i loghi delle principali case di moda, accanto al materiale per il confezionamento dei prodotti contraffatti, come colla speciale e ferro da stiro professionale, a comprova della abitualità nel commercio illecito di capi di abbigliamento recanti marchi contraffatti. Il senegalese, con regolare permesso di soggiorno, è stato denunciato a piede libero alla locale Procura della Repubblica per i reati di ricettazione, possesso di prodotti contraffatti e false dichiarazioni essendosi rifiutato, in un primo momento, di fornire le proprie generalità.
L’attività costituisce un’ulteriore testimonianza della quotidiana e costante azione di controllo economico del territorio e mira a contrastare i fenomeni della contraffazione e il commercio di prodotti non sicuri che danneggiano il mercato, sottraggono opportunità e lavoro alle imprese che rispettano le regole, mettono in pericolo la salute dei consumatori. Dall’inizio dell’anno, in questo ambito, sono state effettuate numerose attività che hanno consentito di sottrarre dal mercato 993.414 prodotti non sicuri, 8.643 articoli contraffatti, sanzionare dieci soggetti, denunciarne undici di cui tre tratti in arresto.

leggi l’articolo su: Sassari News

promo lavazza sassari

RISPONDI

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome