Classe a rischio nel liceo si muove la viceministra

0
6

C’è uno spiraglio per la prima dello Scientifico che potrebbe non essere attivata La storica scuola di Lu Bagnu approda sul tavolo della sottosegretaria Ascani di Donatella Sini

02 Agosto 2020

CASTELSARDO. È arrivata anche a Roma la questione del liceo Scientifico di Lu Bagnu che rischia, per il prossimo anno scolastico, di non vedere attivata la classe prima, con un notevole aggravio di spese e disagi sia per le famiglie che per la comunità. I ragazzi che hanno fatto la preiscrizione in prima, saranno infatti costretti a optare per una scuola superiore del capoluogo, così come gli eventuali respinti dell’attuale classe seconda. L’amministrazione comunale, per cercare di salvare lo storico liceo Scientifico – che esiste dal 1974 – ha interessato del problema la viceministra dell’istruzione, dell’università e della ricerca, Anna Ascani, che è anche sottosegretaria di Stato per l’Istruzione. «La vice ministra si è prontamente attivata – ha sottolineato il primo cittadino – e per questo la ringraziamo così come abbiamo molto apprezzato la vicinanza e l’appoggio ricevuti dagli onorevoli Gian Franco Satta del gruppo dei Progressisti e Pietro Moro del gruppo Udc Cambiam!, che hanno presentato un’interrogazione in consiglio regionale e anche l’assessore alla Pubblica istruzione Andrea Biancareddu che, investito della questione, ha garantito il massimo impegno per scongiurare la chiusura della classe prima del liceo, così come per tutte le altre scuole dell’isola. Biancareddu ha annunciato che si adopererà per rivedere i criteri di attivazione e mantenimento delle classi, tenendo conto delle nuove condizioni imposte dalle politiche di contenimento della pandemia di Covid-19». Il direttore generale dell’Ufficio scolastico regionale, Francesco Feliziani, ha ribadito invece all’assessore alla pubblica istruzione Raffaella Posadino che il numero di iscrizioni – 8 e non 12 come da più parti affermato – «non consente in alcun modo l’attivazione di una classe prima e che le iscrizioni tardive non possono comportare aggravio di organico, soprattutto in una situazione come quella della Sardegna dove l’organico, di fatto, ha un incremento assolutamente insufficiente per coprire addirittura le ore degli spezzoni non conteggiati in organico di diritto». Ma Feliziani ha anche aperto a uno spiraglio «se le risorse aggiuntive che verranno messe a disposizione dell’Usr Sardegna per l’emergenza Covid lo consentiranno, sarò la persona più contenta del mondo di poter esaudire la vostra richiesta». Un importante passo in avanti quindi e una piena disponibilità ricevuta dopo che, da mesi, con l’azione sinergica di insegnanti, genitori, alunni e amministrazione comunale, si cerca di salvare la classe del liceo Scientifico.

leggi l’articolo su: La nuova Sardegna

offerta Lavazza Sassari

RISPONDI

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome