Sassari, controlli ambulatoriali negati: esposto in Procura

0
16

Il movimento “Donne libere in lotta per il diritto alla salute” nacque in sostegno alla Breast Unit SASSARI. Il movimento «Donne libere in lotta per il diritto alla salute» ha presentato un esposto alla Procura di Sassari per denunciare «la negazione del diritto dei sardi alla salute». Nato nel 2017 a sostegno della Breast Unit a Sassari, ottenuta solo in parte, il movimento ha dato mandato all’avvocato Michele Zuddas di sintetizzare nell’atto depositato ieri 17 giugno «le tante criticità legate alla gestione delle strutture di sanità pubblica a Sassari e provincia, nonché i problemi comuni a tutta la Sardegna». L’attività è proseguita anche durante il lockdown. «Abbiamo raccolto decine di segnalazioni sull’impossibilità di eseguire i controlli programmati e altri urgenti per l’improvvisa chiusura degli ambulatori. Spesso non ci hanno neanche avvisato – rincarano – l’abbiamo saputo presentandoci negli ambulatori e dopo ore di fila». Addirittura, «alle rare telefonate per avvisarci del blocco dei controlli è seguito il silenzio sul possibile nuovo appuntamento».Il problema interessa le pazienti oncologiche senologiche, primo nucleo del movimento, ma anche quelli con altre gravi patologie: cardiopatici, nefropatici, diabetici, persone con sclerosi multipla, Sla, insufficienza respiratoria e così via. «Nessuno sa quale sia il nostro destino e quali e quanti danni abbia prodotto la sospensione dei controlli – denunciano – abbiamo appreso dai media o per telefono che è già stata predisposta la riattivazione del servizio, ma nel caso di alcuni delicati settori non è vero». L’elenco delle lamentele è cresciuto su una pagina Facebook dedicata. «Mancate cure, cattiva gestione e assenza di servizi sono stati spesso segnalati ai vertici dell’Aou e dell’Ats con mail, whatsapp e comunicati stampa rimasti inascoltati – spiega il movimento – nonostante sit-in, flash mob, manifestazioni, conferenze stampa, convegni e segnalazioni in Procura». Sino all’esposto presentato stavolta.«Ci spieghino perché qua è stato chiuso tutto all’improvviso, mentre in Regioni con una situazione più compromessa dal punto di vista del contagio Covid non è successo». (Ansa).

leggi l’articolo su: La nuova Sardegna