Piantagione di canapa indiana ora si cercano i complici

0
31

SANTA MARIA COGHINAS. Comparirà stamattina davanti al giudice delle indagini preliminari del tribunale di Sassari, Alex Carbini il 31enne di Santa Maria Coghinas arrestato venerdì scorso dai…
SANTA MARIA COGHINAS. Comparirà stamattina davanti al giudice delle indagini preliminari del tribunale di Sassari, Alex Carbini il 31enne di Santa Maria Coghinas arrestato venerdì scorso dai carabinieri della compagnia di Valledoria con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.L’uomo, figlio del sindaco del paese, era stato colto sul fatto mentre prelevava una busta contenente otto chili di marijuana da un terreno di sua proprietà, accanto a un orto alla periferia del paese. Il blitz era scattato all’ora di pranzo, quando i militari del nucleo radiomobile di Valledoria, guidato dal comandante Giovanni Mulas, insieme allo squadrone dei Cacciatori di Sardegna, agli ordini del tenente colonnello Alfonso Musumeci, avevano fermato due persone arrivate nelle campagne alla periferia del paese. Le attenzioni si erano subito focalizzate sul 31enne, che nel terreno aveva da poco avviato un’azienda agricola. Durante la perquisizione erano stati rinvenuti diversi pacchi in plastica termosaldata, ognuno contenente circa 500 grammi di marijuana. Le confezioni erano state occultate in cespugli e sotto i muretti a secco: alcune erano conservate all’interno dei classici contenitori ermetici che si usano per gli alimenti, altre in un borsone. Davanti all’evidenza il giovane non aveva potuto fare altro che assumersi la responsabilità, dicendo ai carabinieri di essere stato lui stesso a coltivare la marijuana. I militari lo tenevano d’occhio da tempo, e nei giorni scorsi i servizi di appostamento avevano portato al risultato ipotizzato all’inizio delle indagini da parte degli inquirenti. I militari della compagnia di Valledoria, guidata dal comandante Sergio Pagliettini, vogliono capire se il 31enne abbia fatto tutto da solo o se sia stato aiutato da qualcuno.

leggi l’articolo su: La nuova Sardegna

promo lavazza sassari