“Portapizze” in nero, nei guai il gestore di una pizzeria

0
8

Le Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Cagliari, nell’ambito delle attività miranti all’osservanza delle disposizioni nazionali e locali volte al contenimento dell’epidemia da Coronavirus, ha individuato presso un esercizio commerciale tre lavoratori in nero.Durante l’attività di pattugliamento in orario serale, i Finanzieri hanno controllato una pizzeria, la quale, in ragione dell’effettuazione dell’attività da asporto, era autorizzata ad operare: all’atto dell’accesso, sono stati individuati ed identificati tre fattorini “portapizze”, pronti ad uscire con i loro scooter per effettuare le consegne.I successivi approfondimenti esperiti mediante la consultazione delle banche dati in uso al Corpo, hanno consentito di rilevare che il rapporto di lavoro dei tre fattorini non era stato instaurato correttamente, mancando il formale contratto di assunzione, indicizzandoli, conseguentemente, come “lavoratori in nero”.Il datore di lavoro, oltre alla diffida a regolarizzare la posizione dei tre dipendenti, è stato destinatario di una sanzione amministrativa da un minimo di 5.400 ad un massimo di 32.400 euro, nonché di un ulteriore provvedimento di chiusura temporanea dell’esercizio in ragione del fatto che i lavoratori irregolarmente impiegati costituivano oltre il 20% del totale della forza lavoro.Nell’ambito del citato controllo, l’analisi della posizione dei lavoratori ha fatto altresì emergere che uno di loro aveva inoltrato all’I.N.P.S. apposita istanza per la concessione del reddito di cittadinanza: lo sviluppo dell’analisi della documentazione ha evidenziato che il soggetto non aveva comunicato all’Ente erogatore del beneficio l’esistenza del rapporto di lavoro, integrando, di fatto, una condotta illecita.Per tale circostanza, il lavoratore – il quale non aveva ancora ricevuto alcuna provvidenza economica – è stato segnalato alla locale Autorità Giudiziaria.

leggi l’articolo su: Sassari Notizie

promo lavazza sassari