COVID-19. Gli Ordini dei medici della Sardegna chiedono “spiegazioni” alla Regione

0
7

Sede AtS – Sassari

Gli Ordini dei Medici Chirurghi della Sardegna hanno inviato una dura lettera al Presidente della Regione Sardegna, Christian Solinas; all’Assessore alla Sanità della Regione Autonoma della Sardegna, Mario Nieddu e al Commissario Straordinario dell’ATS Sardegna,  Giorgio Steri, con la quale chiedono spiegazioni sulla distribuzione e utilizzo dei DPI da parte degli specialisti. Pubblichiamo il testo integrale tratto dal portale della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri:    Gli Ordini dei Medici Chirurghi della Sardegna, vista l’ultima direttiva dell’ATS Regionale sulla distribuzione e utilizzo dei DPI da parte degli Specialisti in base a una classificazione di rischio Alto, Medio e Basso, constata, che tale classificazione, appare artificiosa, pericolosa e non in linea con le direttive delle società scientifiche, ma dimostra incongruenza e superficialità. Vorremmo essere messi a conoscenza di chi ha stabilito questa tabella di rischio e in base a quali criteri, sapendo che in Sardegna l’85% dei casi di contagio si è manifestato in ambito ospedaliero, come dimostra l’ultimo caso avvenuto nel reparto di chirurgia del Policlinico Universitario di Cagliari, peraltro classificato a basso rischio.Ci chiediamo perplessi, se le persone che hanno elaborato tali disposizioni, conoscano le dinamiche di contagio del Covid19 e quindi siano in grado di stabilire classi di rischio per garantire la sicurezza e la protezione di chi opera a diretto contatto con i pazienti; basti pensare che gli Otorinolaringoiatri, che devono esplorare le prime vie aeree dei pazienti, a diretto contatto con secrezioni che rappresentano uno dei veicoli più pericolosi di trasmissione del contagio, sono inseriti in una classe di rischio “basso”, come gli Endoscopisti, mentre gli Oculisti e i Neurochirurghi non vengono nemmeno menzionati! Allo stesso modo la Radiologia, con i TSRM che eseguono le radiografie del torace, primo step diagnostico strumentale dei pazienti sospetti e accertati Covid19, a stretto contatto con essi, ancora considerati a “basso rischio”, a differenza di quanto succede in altre regioni minacciate dalla pandemia in corso.Cogliamo l’occasione per inviare i nostri cordiali saluti    I Presidenti degli Ordini dei Medici Chirurghi della Sardegna

leggi l’articolo su: Sassari Notizie

promo lavazza sassari