Continuità territoriale, la denuncia di Li Gioi

0
5

“La proroga della continuità territoriale, tanto attesa, appena entrata in vigore già suscita il malcontento dei cittadini del Nord Sardegna, penalizzati rispetto ai cittadini in partenza da Cagliari. Non potranno viaggiare su Roma e Milano e rientrare sull’isola in giornata.

Questa problematica riguarda tutti coloro i quali partiranno dagli scali di Olbia e di Algher. Nell’arco delle ventiquattro ore infatti potranno usufruire di un volo soltanto per raggiungere la Penisola senza poter fare ritorno in Sardegna.

Da ciò è semplice dedurre che queste persone saranno costrette a pernottare per una notte in un hotel o in un’altra struttura tra quelle attualmente disponibili dato il lockdown.

Questo, secondo notizie in nostro possesso, deriva da un accordo tra Alitalia e la Regione Sardegna. Come noto, la Regione ha la competenza esclusiva per quanto riguarda la continuità territoriale aerea.

Un accordo al quale è necessario apportare delle correzioni urgenti se non vogliamo ostacolare i sardi che avranno necessità di spostarsi nella Penisola costringendoli di fatto a costi aggiuntivi talvolta proibitivi”.

A denunciarlo è il consigliere regionale del m5s Roberto Li Gioi, vice presidente della Commissione Trasporti che lamenta la scarsissima attenzione riposta dalla Regione nei confronti delle reali esigenze dei cittadini. La data del 3 maggio è prossima e verranno riaperti gli aeroporti di Olbia Costa Smeralda e Alghero Fertilia.

Il consigliere regionale del m5s entra nel dettaglio:

“Un cittadino che volesse andare da Olbia a Roma potrebbe partire con l’unico volo disponibile della giornata alle 11 del mattino. Arriverebbe a Roma alle 12 e dopo aver potuto sfruttare appieno soltanto le ore pomeridiane, potrebbe rientrare in Sardegna addirittura soltanto la mattina successiva.

Stessa odissea dovrà affrontare chi partirà dallo scalo di Alghero, dove l’unico volo della giornata per Roma (primo scalo) e Milano è previsto alle 11.10 del mattino. Per il ritorno non ci sono voli sino alle 7.00 del mattino seguente”.

“Non possiamo accettare che i sardi vengano costretti a ulteriori spese, insostenibili per tantissime famiglie in questo momento, perché non viene loro consentito di far ritorno sull’isola in giornata.

La continuità aerea è finalmente stata prorogata, ma adesso è opportuno garantire ai sardi il diritto alla mobilità, il costo degli spostamenti non può assomigliare di fatto a un’esosa tassa in più da pagare”.

continua a leggere su: Sardegna Reporter

RISPONDI

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome