Coronavirus, una strage i decessi degli anziani nelle case di riposo: a Sassari esposto Codacons

0
42

Mentre vanno avanti le altre indagini avviate dalla ProcuraSASSARI. «I decessi a Casa Serena di Sassari e a Casa Gardenia di Ossi sono stati una strage, con disprezzo criminale degli anziani». È la denuncia del Codancons che oggi 16 aprile ha presentato un esposto alla Procura di Sassari affinché «si indaghi per omicidio plurimo doloso». La denuncia è tra le tante che concorrono a ingrossare il fascicolo aperto dal procuratore Gianni Caria e affidato al sostituto procuratore Paolo Piras, esperto di reati in ambito sanitario, che, con la collaborazione di Nas e Spresal, coordina le quattro inchieste relative al Santissima Annunziata di Sassari, all’Antonio Segni di Ozieri e alle Rsa e case di riposo del territorio. Al momento nessuno è indagato, i reati ipotizzati sono omicidio colposo ed epidemia colposa. Col passare dei giorni aumentano pazienti e loro parenti che chiedono alla magistratura sassarese di fare chiarezza sulla gestione dell’emergenza sanitaria nel nord Sardegna. L’affondo del Codancons sui due centri residenziali per anziani di Sassari e Ossi s’inserisce in questo quadro.«Non è un’epidemia casuale, ma una strage – afferma l’associazione – anziani, persone invalide e non autosufficienti, i più fragili tra i fragili, avrebbero dovuto essere al sicuro ma sono venute a contatto col virus, che in molti casi ha aggravato le loro condizioni e li ha condotti alla morte, trasformando i luoghi di assistenza in pericolosissimi focolai». L’associazione chiede «di perseguire i responsabili di contagi per l’incapacità nel gestire l’emergenza». Si tratta di «mancata adozione dei provvedimenti previsti per affrontare l’emergenza coronavirus»,  (Ansa).

leggi l’articolo su: La nuova Sardegna

promo lavazza sassari