Donna positiva va in giro bloccata davanti al market

0
57

La straniera e il compagno sono stati seguiti dall’ospedale fino a via delle Conce Fermati dai carabinieri i due sono stati denunciati per aver violato la quarantena

SASSARI. Invece di rientrare nella sua abitazione e rimanere in isolamento è salita a bordo dell’auto del compagno e insieme – incuranti dei divieti imposti dalla legge per contrastare la diffusione del coronavirus – si sono diretti verso un supermercato in via della Conce per fare la spesa.

La donna, una cittadina straniera risultata positiva al Covid- 19, da qualche giorno era tenuta d’occhio dagli investigatori del Nas che avevano il sospetto che dopo le cure quotidiane in un reparto dell’ospedale civile, non seguisse le severe prescrizioni dei sanitari che la stanno seguendo.

Dopo averla vista salire a bordo dell’auto del compagno, un suo connazionale di 34 anni, i carabinieri del nucleo anti sofisticazioni hanno seguito i due a distanza, fino a quando la macchina non si è fermata nei pressi di un supermercato.

È in quel momento che è scattato il blitz da parte dei carabinieri. Dopo aver indossato guanti e mascherine i militari del Nas, guidati dal luogotenente Gavino Soggia, hanno bloccato i due stranieri, impedendo loro di avvicinarsi all’ingresso del market e di entrare in contatto con altre persone. Per entrambi è scattata la denuncia penale. La donna, risultata positiva al tampone del coronavirus qualche giorno fa, dovrà rispondere dell’articolo 4, comma 6 del recente decreto legge che fa riferimento a un vecchio articolo, il 260 del testo unico delle leggi sanitarie.

Il compagno, risultato negativo al tampone, è stato denunciato per concorso nel reato. Al cittadino straniero è stata anche contestata una sanzione per guida senza patente, essendo infatti risultato privo della licenza di guida italiana. Sul grave episodio i militari del Nas hanno presentato una dettagliata relazione in Procura, sul tavolo del sostituto procuratore Paolo Piras che ha in mano le diverse inchieste che riguardano l’epidemia. Da qualche giorno, su disposizione del magistrato, i militari avevano iniziato a controllare gli spostamenti della donna, dopo aver ricevuto alcune segnalazioni in merito al suo comportamento incosciente.

I sospetti hanno avuto conferma due giorni fa, quando gli uomini del Nas l’hanno attesa davanti all’uscita dell’ospedale. Avendo notato che l’auto del compagno su cui era salita non si stava dirigendo verso il centro storico, dove la coppia vive, ma nei pressi di un supermercato hanno deciso di intervenire. Fortunatamente – fa sapere la Procura della Repubblica – i due stranieri sono stati fermati in tempo e obbligati a tornare a casa. Quello della donna è il primo (e al momento unico) caso di denuncia in città di un paziente positivo al coronavirus che non ha rispettato la quarantena e messo a rischio la collettività.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

continua a leggere su: La Nuova Sardegna

promo lavazza sassari

RISPONDI

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome