in

No a rincari ingiustificati: un paniere di beni calmierato per la Sardegna

Anche se ancora non si può avere un quadro preciso relativo all’incremento di prezzi e alla scarsità dei generi di prima necessità, è certo che queste dinamiche siano in atto e lo siano anche in Sardegna. Il Codacons (invocando intervento di NAS e Gdf) lo ha registrato già da marzo per alimentari e prima ancora su mascherine e detergenti. Inoltre mancano quasi ovunque farine e lieviti. In Sardegna vengono denunciati da più parti rincari diffusi, lo segnalano diversi sindaci di schieramenti diversi, formazioni di opposizione e, persino, esponenti di maggioranza.
A denunciarlo è Luana Farina, portavoce di Caminera Noa: “è opportuno che chi può legiferare e in generale intervenire lo faccia e si sbrighi. Anche perché non esiste alcuna motivazione per i rincari, visto che il prezzo del petrolio è drasticamente ridotto, dunque non esistono rincari sui trasporti”.
“La Sardegna – prosegue Farina – è una Regione a Statuto Speciale e ha alcune competenze e potestà legislative che spesso non utilizza al meglio o semplicemente non applica”.
L’articolo 4 dello Statuto d’autonomia dichiara esplicitamente: “Nei limiti del precedente articolo e dei principi stabiliti dalle leggi dello Stato, la Regione emana norme legislative sulle seguenti materie: a) commercio b) assunzione di pubblici servizi; l) disciplina annonaria. “Annonàrio” vuol dire “insieme di misure con cui lo stato provvede all’approvvigionamento del paese e alla disciplina dei consumi, sia in modo continuativo nei periodi di normalità, sia soprattutto in occasione di guerre, carestie, epidemie o altre calamità, ricorrendo a provvedimenti quali l’ammasso, il razionamento e contingentamento, divieti di esportazione”

“Il nostro Statuto Autonomistico – conclude Farina – prevede la possibilità di legiferare in merito al commercio, all’assunzione dei pubblici servizi, alla salute pubblica e a appunto alla disciplina annonaria. Non ci sono dunque scuse. La regione autonoma della Sardegna deve subito legiferare per un paniere sardo calmierato delle derrate e degli alimenti di prima necessità”.

continua a leggere su: Sassari Notizie

Voi cosa ne pensate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Enthusiast

Written by ViviSassari

Years Of MembershipList MakerMeme MakerPoll Maker

Università di Sassari. Gli studenti Erasmus invitati a comunicare la volontà di rientrare o meno

COVID-19. Medici e infermieri della Sanità Militare nelle case di riposo per anziani di Tula e Ossi