in

Coronavirus, la paradura dei pastori sardi: “Doniamo latte per le ricerche sul vaccino”

Gli allevatori vengono invitati a donare simbolicamente 100 litri di latte. O comunque il corrispettivo in euro. Già arrivati i primi soldi

CAGLIARI,. «Pastori contro il coronavirus». Si sono ribattezzati così. Ma non sono solo nomi e parole, ma fatti: con il latte prodotto vogliono aiutare la ricerca dell’equipe di biologia molecolare dell’azienda ospedaliero universitaria di Cagliari coordinata dal professor Germano Orrú. Una squadra, quella dell’Aou, che è già riuscita a sequenziare il gene N del virus del Covid 19. Uno studio importante perché da lì possono nascere i presupposti per la ricerca di antivirali e dello stesso vaccino. L’idea è nata da un pastore, Raimondo Ena, e sta coinvolgendo i colleghi di tutta la Sardegna. Il principio è quello della «paradura», il mutuo aiuto tra pastori nei momenti di difficoltà.

Gli allevatori vengono invitati a donare simbolicamente 100 litri di latte. O comunque il corrispettivo in euro. Dieci litri di latte equivalgono a otto euro. E sono già arrivati i primi soldi: c’è chi ha messo a disposizione dieci euro. Ma c’è anche chi ha versato quaranta o cinquanta euro. Soldi che servono perché la ricerca, per andare avanti, ha sempre bisogno di forze fresche. Un’unione di forze, spiegano i promotori dell’iniziativa, tra due eccellenze sarde: il latte e i ricercatori. (ANSA)

continua a leggere su: La Nuova Sardegna

What do you think?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Enthusiast

Written by ViviSassari

Years Of MembershipList MakerMeme MakerPoll Maker

COVID-19. Google mostra come si muovono le persone: in Sardegna crollo degli spostamenti

Coppia sassarese insieme in auto: sanzionata