Coronavirus, Alghero: donna di 94 anni muore in ambulanza

0
54

Covid positiva, trasferita d’urgenza a Sassari è arrivata senza vita. Nuovi casi in otorino e urologia, reparti sanificati

ALGHERO. Una donna 94enne positiva al coronavirus è morta l’altra notte durante il trasporto in ambulanza dall’ospedale di Alghero al Santissima Annunziata di Sassari e due reparti del “Civile” sono stati sanificati nella mattinata di ieri dopo che una parte dei test compiuti sul personale ha accertato la presenza di contagiati tra medici e infermieri. L’ospedale algherese ha vissuto una nuova emergenza coronavirus, ma in serata la situazione è ritornata alla normalità dopo l’adozione di tutte le misure di sicurezza e precauzionali.

La donna, 94 anni, residente in una borgata algherese, è arrivata al pronto soccorso nella sera di martedì in condizioni gravi che hanno fatto scattare il protocollo ormai collaudato. Dopo essere stata accolta nel pre-triage allestito all’esterno del centro ospedaliero, è stata sottoposta al tampone faringeo e ad esami diagnostici, compresa una radiografia che ha dato esiti compatibili con una polmonite interstiziale, uno dei sintomi tipici della nuova malattia virale.

Immediatamente dopo che il test ha dato esito positivo i medici hanno disposto tutte le operazioni per il trasferimento dell’anziana paziente. Il caso sospetto era già stato segnalato a Sassari e quando dagli esami di laboratorio è giunta la certezza la clinica di malattie infettive, centro di riferimento per il coronavirus, era già pronta ad accogliere la paziente. L’autoambulanza attrezzata del 118 si stava dirigendo verso il pronto soccorso sassarese quando la donna è spirata. La morte è stata confermata anche dall’assessore regionale alla Sanità, Mario Nieddu.

La giornata di ieri all’ospedale algherese si è però aperta con un nuovo allarme. Nei reparti di otorinolaringoiatria e di urologia è stato messo in quarantena il personale che è risultato positivo ai test: due infermieri in ciascuna delle strutture e un medico otorin che sono stati messi in quarantena. L’esecuzione dei tamponi si sta pian piano allargando a tutto il personale, ma ancora alcuni operatori sanitari o non hanno ricevuto l’esito o non sono stati sottoposti al tampone faringeo.

Lo screening completo dovrà essere compiuto nei prossimi giorni e la speranza è che i risultati possano arrivare in tempi rapidi. La mancanza di kit di reagenti nel numero necessario sta infatti causando incertezze e dilatando i tempi. Gli operatori sanitari ricevono il risultato dopo giorni e quando lo ricevono, in quel lasso di tempo potrebbe essere stati infettatii se ancora non sono stati contagiati, o trasmettere il virus se sono positivi senza saperlo.

Da quando l’epidemia di coronavirus si è diffusa anche l’ospedale algherese è stato colpito da alcuni casi. Un’altra donna era morta nei giorni scorsi, il centro nascite è stata chiuso per alcuni giorni, diverse persone sono in quarantena.

continua a leggere su: La Nuova Sardegna

RISPONDI

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome