in

Morto un ospite della Biccheddu

È un uomo di 84 anni ricoverato nel reparto Infettivi dopo essere stato trovato positivo al tampone

PORTO TORRES. La casa di riposo Biccheddu-Deroma piange la prima vittima del coronavirus, la terza in città. A entrare nella triste statistica è stato un uomo di 84 anni, ricoverato il 19 marzo all’ospedale di Sassari e deceduto dieci giorni dopo. All’interno della struttura c’è preoccupazione anche per un secondo anziano risultato positivo al Covid-19, che stato è ricoverato al Reparto Infettivi a Sassari. Negli ultimi due giorni, nella casa di riposo sono stati comunque eseguiti i tamponi su tutto il personale e sugli ospiti e la situazione è monitorata con la massima attenzione da parte del Servizio di igiene pubblica.

Due tamponi erano inoltre stati effettuati qualche giorno fa su altrettanti operatori socio-sanitari in isolamento domiciliare, risultati positivi. «Le loro condizioni di salute non destano preoccupazioni – assicura il presidente della Fondazione Biccheddu, Pierluigi Molino – e tra qualche giorno potranno ripetere il tampone: speriamo in una loro completa guarigione, considerando che sono seguiti dalla Unità di crisi ragionale e a loro va tutta la nostra vicinanza e solidarietà». Il totale di contagiati nella casa di riposo è così di quattro persone, compreso l’uomo deceduto ieri. «Vorrei innanzitutto porgere le condoglianze ai familiari a nome di tutta la Fondazione – aggiunge il presidente –. Ora aspettiamo il risultato di tutti i tamponi effettuati, in modo da poter procedere a una completa sanificazione e sterilizzazione degli ambienti interni ed esterni della casa di riposo. Avere un quadro generale sulla situazione contagi risulterà molto importante per aiutarci a isolare il virus, qualora risultasse ancora presente nella nostra struttura, e prevenire il contagio. A rischio ci sono gli operatori e soprattutto ospiti che, per via della loro età e fragilità, dovuta spesso a patologie pregresse, risultano essere maggiormente vulnerabili». Pierluigi Molino vuole infine esprimere la gratitudine sua e di tutta la Fondazione a chi, attraverso donazioni, è stata vicina alla casa di riposo. «Siamo rimasti commossi da tanta vicinanza, in soli cinque giorni sulla piattaforma sono stati raccolti 3mila e 600 euro: la notizia si è propagata velocemente e grazie alla solidarietà di molti cittadini e associazioni la casa ha ricevuto altri fondi, presidi sanitari, dispositivi di protezione e alimenti».

Queste donazioni costituiscono un gesto di riconoscenza per gli operatori sanitari e per la qualità dei nostri servizi: «Sono l’inequivocabile segno di un rapporto di fiducia consolidatosi con il territorio – conclude il presidente –. Vorremmo precisare che i fondi saranno utilizzati per la gestione dell’emergenza e sarà dato preciso riscontro dell’utilizzo di quanto pervenuto. Abbiamo ancora bisogno del vostro aiuto e chi desidera donare può farlo utilizzando le seguenti coordinate bancarie: casa di riposo Fondazione Coniugi Biccheddu Deroma, Banco di Sardegna IBAN IT95Y0101585030000000030076». Anche il sindaco Sean Wheeler ha voluto porgere le condoglianze della città e di tutta l’amministrazione comunale ai familiari dell’84enne.

continua a leggere su: La Nuova Sardegna

Voi cosa ne pensate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Enthusiast

Written by ViviSassari

Years Of MembershipList MakerMeme MakerPoll Maker

Due musei regionali per la città

Samuel, il sarto della solidarietà