in

Coronavirus, un importatore sassarese denuncia: sulle mascherine c’è speculazione

L’appello dell’imprenditore perché il governo intervenga per calmierare i costi

SASSARI. «Il governo e l’Enac vigilino sulle speculazioni di operatori logistici e compagnie aeree nell’import di mascherine e altri presìdi sanitari». È l’appello dell’imprenditore sassarese Francesco D’Onofrio. Da oltre vent’anni nella logistica e nell’export, con la sua Italian Shopping Network srl opera nei mercati extra Ue per grossi esportatori italiani. Per la sua conoscenza di certi mercati è diventato il riferimento di molte aziende sanitarie italiane e sarde in questa fase d’emergenza, importando milioni di mascherine chirurgiche. Ma la sua attività fa i conti con condizioni di mercato fuori controllo. «È sciacallaggio», denuncia.

«Prima trasportare un pacco aveva un costo fisso in base a peso e volume, e si firmava un contratto in base a quanto concordato, oggi i prezzi sono variabili. Poco tempo fa spedire in l’Europa un prodotto general cargo, non pericoloso e senza necessità di refrigerazione o altro, costava mediamente 20 o 30 yuan cinesi. Ora il prezzo è 45 yuan – aggiunge – ma se si tratta di mascherine, respiratori o altri beni sanitari si arriva a 90 yuan». Motivo? «Nessuno, è in atto una grande speculazione e nessuno vigila», lamenta. «In queste settimane mi sono reso utile per trovare una filiera di prodotto buono, certificato e a buon prezzo, ma ho fatto i conti con rincari del 50% per il trasporto».

Secondo D’Onofrio il governo potrebbe fare anche qualcosa di concreto per calmierare i costi, «che incidono sul sistema sanitario e quindi sui cittadini», sottolinea. L’esperto di import-export si riferisce al fatto che «oggi anche su prodotti come questi si paga il 6.3% di dazi, applicati non sul solo prezzo della merce, ma anche su quello del trasporto – stigmatizza – al quale poi si aggiunge l’Iva». Lungi dal voler passare per un eroe o per un missionario, D’Onofrio chiede semplicemente che «lo Stato vigili su un sistema speculativo di cui fanno le spese non tanto gli operatori, quanto i destinatari finali – conclude – che sono le aziende sanitarie e dunque i cittadini». (Ansa).

continua a leggere su: La Nuova Sardegna

Voi cosa ne pensate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Enthusiast

Written by ViviSassari

Years Of MembershipList MakerMeme MakerPoll Maker

Coronavirus, 40 nuovi casi e 3 decessi: in Sardegna sono 722 i contagi e 31 le vittime

Coronavirus, cercavano funghi o volevano recuperare un cinghiale: 21 denunciati