in

Coronavirus, cercavano funghi o volevano recuperare un cinghiale: 21 denunciati

I controlli dei forestali sulle violazioni del divieto di uscire se non in presenza di certificati motivi

CAGLIARI. Dal 14 marzo sono oltre 14.000 i controlli realizzati dal Corpo forestale della Regione Sardegna per vigilare sul rispetto delle regole stabilite per l’emergenza epidemiologica da Covid-2019, in particolare sugli spostamenti e sulle persone che sono arrivate nell’Isola da altre regioni e che devono restare in isolamento fiduciario.

Nella giornata di ieri 30 marzo sono stati effettuati 1.080 controlli: 292 nell’area di Cagliari, 70 Iglesias, 64 Oristano, 270 Sassari, 105 Tempio, 172 Nuoro, 107 Lanusei. Sono state sanzionate 21 persone (7 a Cagliari, 7 ad Iglesias, 4 a Nuoro, 2 a Sassari, 1 a Tempio), per un totale (dal 14 marzo) di 195. Nei controlli sono impegnati circa 900 forestali, dislocati nelle 82 stazioni territoriali, che quotidianamente pattugliano le zone interne e costiere dell’Isola e verificano che vengano rispettate le limitazioni agli spostamenti delle persone, che devono essere sempre autocertificati. Le motivazioni finora addotte per le infrazioni sono state varie:tra le quali la ricerca di funghi ed asparagi oppure il recupero di un cinghiale investito dall’auto.

Oggi, ad Ozieri, sono stati fermati due giovani a bordo di un’auto che inizialmente non avevano ottemperato all’alt imposto al posto di blocco. Così, i forestali hanno scoperto che lui guidava senza patente e che il mezzo, immediatamente sequestrato, non era assicurato. Per i due ragazzi scatterà la denuncia. (Ansa).

continua a leggere su: La Nuova Sardegna

Voi cosa ne pensate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Enthusiast

Written by ViviSassari

Years Of MembershipList MakerMeme MakerPoll Maker

Coronavirus, un importatore sassarese denuncia: sulle mascherine c’è speculazione

A Casa Serena tutti in campo per la casa di riposo