in

Sassari. Casa Serena caso nazionale: 14 morti dal primo marzo

La residenza per anziani Casa Serena di Sassari è un caso nazionale, con l’esercito che viene a effettuare i tamponi e un numero di decessi elevato.
Il sindaco di Sassari, Nanni Campus, in conferenza stampa, cerca di chiarire il quadro, anche perchè la residenza è di proprietà comunale e il comune ha cercato di fare tempestivamente quanto in suo potere.
Dal 1 marzo ci sono stati però 14 decessi, undici sono morti nel loro letto, tre in ospedale: nel periodo corrispondente dello scorso anno sono mancati in dieci.
Si sa che fra quelli di quest’anno tre erano positivi al COVID-19.

Dal 5 marzo gli ospiti di Casa Serena, per la loro tutela, non potevano più ricevere visite e, dopo il primo decesso accertato per COVID-19, gli ospiti sono stati tutti sistemati in camere singole.

Prima dell’intervento dell’esercito sono stati fatti i tamponi su cinque ospiti che  sono risultati tutti positivi; inoltre 47 sono stati fatti al personale  e di questo in 21  sono risultati positivi.
Il 27 sono arrivati i militari, un’équipe di medici del Celio che ha fatto i tamponi a tutti i 130 ospiti e ai 29 operatori. I risultati dei tamponi comunicati dai militari dicono che attualmente risultano positivi 52 ospiti e 7 operatori.
Il sindaco Campus ha dichiarato che nella struttura sono stati osservati tutti i criteri e le precauzioni per la salute degli ospiti sin dal primo momento. Ma, purtroppo, si è avuta egualmente la diffusione del virus.

continua a leggere su: Sassari Notizie

Voi cosa ne pensate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Enthusiast

Written by ViviSassari

Years Of MembershipList MakerMeme MakerPoll Maker

Violenza sull´ex compagna: sassarese arrestato

«La Sardegna scoppia e discutiamo di piano casa»