in

L’ex primario ritorna all’ospedale di Alghero

Giuseppe Liperi era già in pensione e ha accolto l’invito del sindaco Conoci «Lo ringrazio a nome di tutta la comunità, ci aiuterà a vincere la battaglia»

ALGHERO. La sanità algherese ritrova uno dei suoi baluardi che ritorna sul campo per dare una mano alla città in questo difficile momento: Giuseppe Liperi, primario di Anestesia dell’ospedale catalano in pensione da qualche tempo, ha accettato l’invito rivoltogli dal sindaco Mario Conoci e ha deciso di indossare nuovamente il camice.

Ad annunciarlo è stato lo stesso primo cittadino, che racconta come sono andate le cose: «Domenica scorsa ho chiesto un incontro a Giuseppe Liperi, per chiedergli la disponibilità a collaborare in questa fase di estrema criticità in un settore come, appunto, l’anestesia e rianimazione, che in questo momento è fondamentale per affrontare l’emergenza sanitaria causata dall’epidemia del coronavirus. La risposta è stata positiva, nel corso del colloquio ho potuto riscontrare la grandissima disponibilità e attaccamento che il dottor Liperi ha verso la sua professione e verso il “suo” ospedale, nel quale ha prestato servizio per molti anni ottenendo con grandissimi risultati. La sua disponibilità in questa fase così delicata dell’emergenza è particolarmente utile e preziosa in quanto, oltre ad avere una conoscenza approfondita della sanità algherese, Giuseppe Liperi è il medico che ha sovrainteso all’allestimento del reparto di terapia intensiva dell’ospedale».

L’iter burocratico per tradurre immediatamente sul campo la collaborazione è stato così avviato: «Ho comunicato il nostro accordo con una lettera indirizzata ai vertici dell’Ats, rimarcando la disponibilità del dottor Liperi a rientrare in servizio. La risposta è stata positiva e ho ricevuto un pronto riscontro da parte del commissario straordinario dell’Ats Giorgio Carlo Steri, che mi ha comunicato di essersi attivato immediatamente per formalizzare al più presto un rapporto di collaborazione».

Mario Conoci spiega così la sua decisione: «La carenza di medici e paramedici in questo momento particolarmente critico, che pone sotto stress il personale in servizio, ci impone di ricorrere a soluzioni come il rientro al lavoro di medici di assoluta professionalità ed esperienza. Voglio pubblicamente ringraziare, anche a nome di tutta la nostra comunità, Giuseppe Liperi per la sua la generosa disponibilità a mettersi al servizio della nostra sanità. Il suo contributo sarà importantissimo per affrontare questa emergenza sanitaria, il suo è un esempio per tutti noi a profondere il massimo impegno in questa battaglia».

continua a leggere su: La Nuova Sardegna

What do you think?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Enthusiast

Written by ViviSassari

Years Of MembershipList MakerMeme MakerPoll Maker

Giallo in Trentino, si rifarà l’autopsia sul giovane

Coronavirus, a Porto Torres super turni e tanta speranza per dare ossigeno agli ospedali