in

Militari con la mascherina: «Al servizio di chi è solo»

In stazione e ai posti di blocco come è cambiato il servizio degli uomini dell’Arma Il capitano Sepe si rivolge agli anziani: non aprite la porta a chi propone tamponi

SASSARI. «Eravamo deputati al controllo e alla sicurezza dei cittadini anche prima di questa emergenza, dunque il nostro lavoro non è cambiato poi così tanto in queste settimane».

In una piazza d’Italia deserta e silenziosa il capitano Giuseppe Sepe, comandante della compagnia di Sassari dell’Arma dei carabinieri, rassicura i suoi uomini chiamati per la prima volta nella loro vita a indossare insieme alla divisa e al berretto con la fiamma una mascherina Ffp3 e guanti da chirurgo.

«Se dovesse servire – spiega l’ufficiale – in casi conclamati di coronavirus i militari che operano per le strade sono dotati anche di tute e occhiali e anti contagio».

Quello che è cambiato inevitabilmente dall’inizio dell’emergenza per i carabinieri è l’approccio con i cittadini, sia all’interno delle stazioni che durante i servizi esterni sulle strade.

«È chiaro che in questa situazione – spiega il capitano Giuseppe Sepe – l’operatore deve tenere conto delle disposizioni di sicurezza, a partire dalla distanza di un metro e mezzo da chi vene sottoposto al controllo».

Dopo un periodo iniziale di anarchia a quanto pare i sassaresi hanno capito che bisogna uscire di casa solo per le emergenze. «I primi giorni abbiamo notato che la gente non voleva accettare le disposizioni dei Governo e le ordinanze comunali – aggiunge il comandante della compagnia di Sassari – e molti provavano a fare i furbi. Siamo stati comprensivi e abbiamo spiegato ai cittadini i pericoli che correvano a stare in giro, ora per le strade si vedono molte meno persone».

A metà mattina una donna sui 40 anni si avvicina ai carabinieri fermi sulla piazza per chiedere aiuto: a casa si è rotta la lavatrice e sta cercando una lavanderia aperta. I militari provano a darle una mano cercando di trovarne una nei paraggi con un giro di telefonate. «Cerchiamo di renderci utili e di aiutare chi è solo o è in difficoltà – prosegue l’ufficiale – non stiamo sulle strade solo per reprimere ma soprattutto per dare una mano alla gente». In questi giorni – con la città deserta – tra i rischi più grossi ci sono l’escalation di criminalità e il pericolo di sciacallaggio ad aziende chiuse o ad anziani soli. «Per fortuna in città – spiega il capitano Sepe – non si è verificato niente di tutto questo. Ma in altre realtà della penisola qualcuno ha bussato nelle case per offrire tamponi e poi ha rapinato i proprietari. Nessuno verrà a casa a farvi il tampone – avverte il capitano Sepe rivolgendosi agli anziani – aprite solo alle persone che conoscete».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

continua a leggere su: La Nuova Sardegna

Voi cosa ne pensate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Enthusiast

Written by ViviSassari

Years Of MembershipList MakerMeme MakerPoll Maker

Cardiologia, rinascita dopo la bufera

L’Erasmus a Granada ma il cuore a Sorso e Luras