in

Coronavirus, gli agenti di viaggio: “Siamo in ginocchio”

Appello al Governo e alla Regione: servono misure urgenti per resistere

CAGLIARI. Voli bloccati e poca o nessuna voglia di pensare alle vacanze: agenzie di viaggio in ginocchio per il coronavirus. E ora parte la mobilitazione con l’invio di una lunga e-mail a premier, deputati, presidente della Regione e consiglieri regionali. L’aiuto di 600 euro? Poca roba perché, spiegano i titolari, i costi delle attività, anche con un solo dipendente, sono almeno dieci volte superiori a quella cifra.

“Con il blocco improvviso della mobilità delle persone – denunciano – e con l’obbligo di rimborso o di emissione voucher abbiamo perso gli ultimi sei mesi di lavoro e perderemo i prossimi sei: in sostanza un anno di sacrifici finirà in fumo”. Altri pericoli: licenziamenti e perdite di denaro o cause giudiziarie per i mancati rimborsi di alcune compagnie aeree o di hotel. Gli agenti chiedono una serie di contromisure.

A cominciare dai prestiti a tasso zero garantiti della Regione o dallo Stato, da restituire fino a 24 mesi, con data di pagamento della prima rata dopo 3 mesi dalla erogazione. E poi sospensione di mutui, contributo di sostegno al reddito di mille euro per almeno sei mesi, ammortizzatori per i dipendenti. E ancora: esonero contributi Inps per almeno 12 mesi, proroga delle scadenze fiscali, sgravi per i clienti viaggiatori. Misure che, avvertono i titolari delle agenzie, dovrebbero entrare presto nel prossimo decreto urgente o in un provvedimento legislativo regionale. “Misure necessarie – questa la conclusione dell’appello – per scongiurare il tracollo economico del settore, un epilogo inevitabile nel caso in cui la politica si dimostrasse sorda rispetto alle nostre richieste”.

continua a leggere su: La Nuova Sardegna

Voi cosa ne pensate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Enthusiast

Written by ViviSassari

Years Of MembershipList MakerMeme MakerPoll Maker

Sassari: distribuzione di mascherine in luoghi sensibili

Famelab Sardegna: vince un laureato dell’Università di Sassari