Coronavirus, la preghiera in sardo del poeta di Bonorva Albino Senes

0
191

Un messaggio di speranza per la gente che lotta contro questo male

S’Incoronada

Una die prò casu s’est intesu
chi desitzu l’aìas tue de partire
inghiriende fintzas a finire
in domos chi niunu t’at pretesu;
fogu mannu prò nois as atzesu
ma de tzertu ti nď amos a bocchire.
Caminu, fattu nď as prò nď arrivare
jampende baddes, sos montes e mare…
A sa prima no t’amos postu in contu
e leada cun paga importantzia
isparta ti ses in abbundantzia
fattu, as tue s’omine a tontu
ma ti ponzo cun nois a cunfrontu
tue ses sola in totta sustantzia.
Naro: ses solu unu male accudidu
chi su mundu intreu n’at cunnidu…
Ma b’at zente ch’est meda istudiada
chi prò te sa meighina est chirchende
mancari largu tue ti ses lende
sùbitu agatas istrada serrada;
sa morte lestra t’est augurada
dae duttores e zente preghende.
Fattu no nď amos de contu pretzisu
ma su debellu,seguru est detzisu…
Ma pèro: su cristianu isfadadu 
preguntat dae domo cand’essimos
penso: cussu adapoi lu podimos
dae terra niunu b’at pesadu,
su male no benit piùs frimmadu
si fattu in sas carrelas li ponimos…
Istare in domo no servat d’atzudu
a nois mattessi prò su saludu…

Ed ecco la traduzione in italiano

All’incoronata 

Un giorno per caso abbiamo appreso
che avevi un gran desiderio di partire
e girovagando sei giunta fino alle nostre case
senza che nessuno te l’avesse chiesto;
presso di noi hai acceso i tuoi focolai
che, puoi star certa, noi spegneremo.
Di strada ne hai fatta molta,
attraversando valli, monti e mari…
In principio non ti abbiamo tenuta in grande considerazione
e ti abbiamo dato poca importanza,
per questo ti sei diffusa ovunque,
facendoci sembrare molto stolti;
ma in fin dei conti, se ti metto a confronto con tutti noi,
sei da sola contro l’intera umanità.
Ripeto a me stesso che sei soltanto un povero malanno sopraggiunto da lontano,
che ha infettato il mondo intero. . .
Ribadisco, pertanto,che ci sono persone di grande Scienza
alla ricerca di un rimedio per fermarti
e, sebbene tu ti stia diffondendo rapidamente,
molto presto troverai la strada chiusa;
una morte rapida è ciò che ti augurano tutti,
dai medici alle semplici persone in preghiera.
Non abbiamo fatto stime precise
ma siamo certi della tua fine. . .
Sento la gente, ormai esausta e preoccupata
chiedersi quando potrà di nuovo uscire liberamente;
rifletto e rispondo: “È necessario aspettare che tutto questo finisca,
del resto solo i vivi possono uscire di casa;
questo malanno non potrà più essere fermato
se lo rincorriamo per le strade!”.
Che stare nelle nostre dimore sia d’aiuto,
per ciascuno di noi e per la salute di tutti… 

Albino Senes

Bonorva, 18 Marzo 2020

continua a leggere su: La Nuova Sardegna

promo lavazza sassari

RISPONDI

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome