in

Coronavirus, la figlia del primo paziente scomparso a Sassari: «Troppi errori e mio padre è morto»

Il racconto: era ricoverato in Cardiologia da 20 giorni, è stato contagiato lì

SASSARI. «Non abbiamo affidato l’incarico a un legale, non stiamo cercando niente. Vogliamo solo che la smettano di insultare mio padre morto per Coronavirus senza averne colpa e che ci lascino in pace come famiglia. E se hanno un minimo di coscienza, chiedano scusa». Barbara è la figlia del primo morto a Sassari a causa del Covid-19: suo padre aveva 81 anni, era stato ricoverato in Cardiologia il 20 febbraio dopo un malore accusato a casa di un amico. Sembrava tutto superato, invece la situazione è precipitata. Fino alla morte. «A un certo punto il cellulare di mio padre squillava a vuoto, non rispondeva più – racconta Barbara – e poi qualcuno deve averlo spento. Quando la mattina seguente ho telefonato al “Santissima Annunziata” per chiedere informazioni perchè non riuscivo più a contattare mio padre, mi rispondevano facendomi le condoglianze. Così ho scoperto che era morto. È una cosa che non auguro a nessuno».

Articolo completo e altri servizi nel giornale in edicola e nella sua versione digitale

continua a leggere su: La Nuova Sardegna

Voi cosa ne pensate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Enthusiast

Written by ViviSassari

Years Of MembershipList MakerMeme MakerPoll Maker

Caffè ai clienti della tabaccheria, titolare nei guai

Sassari, festa tra studenti sul terrazzo: scoperti con il drone dalla polizia locale