Thiesi, ruba dalla strada un cinghiale investito

0
63

Denunciato dagli uomini della Guardia forestale un allevatore di Thiesi

THIESI. Ha pensato bene di caricare nella sua automobile un cinghiale precedentemente investito e ucciso da un’altra persona, che aveva abbandonato il corpo dell’animale sulla strada avvisando preventivamente gli uomini della Guardia forestale che però non hanno trovato nulla. Una strana storia che si è conclusa con la denuncia di un allevatore di Thiesi, al quale la Forestale ha anche contestato, in aggiunta al furto, anche la violazione del decreto anti-coronavirus.

Il fatto è avvenuto in due tempi domenica mattina attorno alle 5, sulla strada provinciale numero 50 che collega Thiesi a Romana. Un camion che trasportava i bidoni di latte da consegnare alla Cooperativa di Thiesi ha investito un cinghiale che aveva improvvisamente attraversato la strada, uccidendolo. Il conducente del mezzo ha regolarmente denunciato l’accaduto chiamando col cellulare gli uomini della Forestale di Thiesi, avvisando però di non poter attendere il loro arrivo in quanto aveva necessità di ripartire quanto prima per consegnare i bidoni del latte alla Cooperativa nell’orario prestabilito. E come da procedura, ha sistemato davanti alla carcassa del cinghiale il triangolo rosso di emergenza.

Gli uomini della Forestale sono arrivati poco dopo ma, con grande stupore, hanno constatato che vicino al triangolo non c’era nulla. Le indagini sono state molto veloci e hanno portato alla denuncia di un allevatore di Thiesi che era transitato sul luogo dell’incidente mentre si recava nel suo ovile e, visto il cinghiale morto, lo aveva caricato nel furgone e trasportato nelle campagne di Romana per consegnato a un parente che avrebbe dovuto macellarlo. I due sono stati denunciati per furto aggravato e ricettazione mentre l’autore del gesto dovrà anche rispondere del fatto di essersi recato in un Comune diverso dal suo senza una valida giustificazione.

continua a leggere su: La Nuova Sardegna

promo lavazza sassari

RISPONDI

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome