Coronavirus, arrivati a Porto Torres i 39 studenti Erasmus

0
43
L’imbarco a Barcellona degli studenti

Concluse le peripezie dei sardi in Spagna: il loro rientro favorito dall’interessamento del rettore Carpinelli e dall’Ufficio relazioni internazionali

SASSARI. Trentanove studenti dell’Università di Sassari, in Spagna per il progetto di mobilità studentesca Erasmus, sono approdati a Porto Torres a bordo della nave Grimaldi Lines, partita ieri notte da Barcellona. Negli ultimi giorni, quando è emerso con chiarezza che l’emergenza coronavirus è una questione europea e non solo italiana, la loro situazione si era fatta complicata a causa della sospensione dei collegamenti e della difficoltà di tornare in Sardegna, chiusa agli ingressi dall’esterno per far fronte all’aumento dei contagi.

Della vicenda si sono occupati direttamente il rettore dell’ateneo sassarese, Massimo Carpinelli, e l’Ufficio relazioni internazionali. Sono stati coinvolti l’Ambasciata italiana a Madrid, la Prefettura di Sassari, la presidenza della Regione Sardegna, le autorità sanitarie e di pubblica sicurezza e la compagnia navale. Grazie all’impegno di tutti l’operazione è riuscita e gli studenti sono tornati a casa, dove dovranno trascorrere una quarantena in isolamento totale per 14 giorni.

«Ringraziamo l’Università e in particolare l’Ufficio relazioni internazionali, in questo momento di sconforto non ci hanno lasciati soli», dicono gli studenti e le studentesse, ai quali l’ateneo rimborserà le spese di viaggio. Complessivamente i ragazzi dell’Università di Sassari in giro per l’Europa con Erasmus sono 470, ma la maggior parte di loro al momento ha scelto di restare all’estero.

continua a leggere su: La Nuova Sardegna

promo lavazza sassari

RISPONDI

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome