in

Coronavirus, conto corrente dedicato del Comune di Sassari per donazioni alle famiglie bisognose

Tantissime persone desiderano stringersi in un gesto di solidarietà a chi è più bisognoso. Per questo il Comune di Sassari da oggi offre la possibilità di versare sul conto corrente IT 52 O 02008 17204 000103497493 c/c intestato a: “Comune di Sassari – Servizio di Tesoreria” fondi a sostegno delle famiglie indigenti. Le cifre raccolte saranno immediatamente utilizzate dall’Amministrazione per comprare beni di prima necessità a chi ne ha bisogno e non può permetterselo.

È sufficiente fare un versamento nel conto corrente IT 52 O 02008 17204 000103497493 e indicare nella causale “Emergenza Coronavirus”.

La Protezione civile comunale assiste ininterrottamente la parte più debole della popolazione, grazie anche alla collaborazione di numerose associazioni di volontariato e privati cittadini che a vario titolo offrono aiuto, e, attraverso il numero verde 800615125, oltre ad accogliere le richieste di supporto della cittadinanza, dà tutte le informazioni su come affrontare l’emergenza sanitaria.

Inoltre le persone che dovessero avere bisogno per sé o per altri potranno rivolgersi direttamente all’Auser di via Tintoretto allo 079246074 o al numero verde 800995988, dalle 9 alle 12 dal lunedì al venerdì; la Comunità di Sant’Egidio allo 0792008024 dalle 8,30 alle 13,30 e dalle 15 alle 18,30 tutti i giorni della settimana. Le due associazioni supportano le persone anziane.

Il Comune di Sassari ricorda che, grazie all’Ordine degli Psicologi della Sardegna, è attivo tutti i giorni, dalle 15 alle 19, un supporto telefonico al numero numero verde 800197500 e al 3791663230.

continua a leggere su: Sassari Notizie

Voi cosa ne pensate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Enthusiast

Written by ViviSassari

Years Of MembershipList MakerMeme MakerPoll Maker

Sassari, l’event planner chiude: sogno infranto in 48 ore

AOU Sassari. Si lavora per riattivare cardiologia. Continuano le donazioni dei privati